La Just Italia investe nell'arte contemporanea

L'azienda svizzera acquista in blocco le Cinque opere Trampled Art dell'astrattista Alessandro Giorgetti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

La Just Italia, in occasione del trentennale dalla sua fondazione ha deciso di investire con l'arte e per l'arte; ma non andando ad acquisire una collezione qualsiasi di opere bensì l'intera collezione del progetto nato a Milano di Alessandro Giorgetti dal titolo: Trampled Art. Dipinti che l'azienda svizzera, ha donato a quanti, all'interno di essa, sono stati i principali protagonisti della sua crescita. Un segno, per un altro segno e l'arte calpestata s'intinge, si colora di una nuova speranza, quella di una vita che possa divenire il più possibile "calpestata" dall'arte.

Hanno nomi e colori che risplendono nella vita e nell'arte: Cornflower blue, Strawberry, Canary yellow, Orange juice, Pea green. I loro suoni evocano la primavera, allo sguardo appaiono essenziali, puri. Essenza ed esistenza si uniscono nella tavolozza, racchiudono il loro senso più alto e senza indugio, senza timore si gettano in un abbraccio abbandonato sulla tela. Il supporto, povero, come la juta, i cromatismi ricchi, potenti, a sfidare la superficie di posa. Così il rosso del fuoco e della passione, il verde della libertà e della speranza, il giallo della luce e del sole, l'arancione della gioia e della vitalità, il blu dell'eleganza e del divino, vibrano in un unico accordo, prima della sfida con la realtà. Ed è in questo incontro, che la vita lascia il suo segno: s'infrange la barriera dell'arte, irrompe il segno di un cammino a volte deciso, irruento, forte, a volte quasi sorvolato o confuso ma che sempre lascia traccia, il suo segno indelebile, l'unicità del suo passaggio. Con l'intensità che gli è propria e la provocazione che s'accompagna al suo vivere la pittura, Alessandro Giorgetti incide con la sua presenza, la sua firma unica, ogni tela, ogni sospiro sospeso e calpestato di questo abbraccio che risponde, con lo spirito e la magia dell'arte, all'evolversi di un movimento inafferrabile e inarrestabile, come quello di ogni esistenza.

Sono queste le opere che l'artista ha dedicato alla Trampled Art, a tutta quell'arte calpestata da un sistema che la vuole stritolare nei perversi ingranaggi dell'autocompiacimento e dell'economia. Da questo segno, da questo sogno, è nato il Movimento Trampled Art, che ha già visto tanti e tanti artisti unirsi con decisione nel motto "Io non pago… investo", per gridare così la propria preziosa capacità creativa, l'irriducibilità dell'unicità del proprio gesto artistico. Un motto che ha trovato un'inaspettata risposta anche nella filosofia della Just Italia. di Roberta Tosi

Torna su
MilanoToday è in caricamento