La Milano tennis academy cresce anche nel 2020: in un anno raddoppiano gli agonisti di seconda categoria

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Numeri in costante crescita, livello medio sempre più alto, staff in continua evoluzione e brand dall’identità ogni giorno più forte. Anche nell’anno della pandemia, in mezzo a chiusure, restrizioni e difficoltà, la Milano Tennis Academy ha trovato la via per eccellere, rinforzandosi e migliorando sotto tutti i punti di vista. È il sunto del bilancio di fine anno, impreziosito dal secondo posto in Lombardia – e secondo d’Italia fra le Club School – nel Grand Prix delle scuole tennis (che tiene conto delle performance dei giovani), e dal numero record di atleti di seconda categoria nelle nuove classifiche federali per il 2021. Questi ultimi sono addirittura 34, quasi il doppio rispetto a dodici mesi fa, a testimonianza di una vocazione fortemente agonistica. “La MTA – dice il direttore tecnico Ugo Pigato – sta prendendo sempre più la direzione che ci siamo prefissati, verso l’alto livello. Nonostante tutto, per noi è stata una stagione importante, che ha visto un innalzamento della qualità dei maestri con l’inserimento di Lorenzo Frigerio, Maurizio Tummolo e Marco Di Lorenzo, e ci ha permesso di fare un importante passo in avanti per quanto riguarda la preparazione atletica, con l’arrivo di Sergio Bugada. A oggi contiamo ben sei maestri che lavorano a tempo pieno con i ragazzi del full time, sotto la supervisione di Francesca Schiavone, più tutti quelli impegnati nella scuola tennis”. Il totale dello staff supera quota 20 elementi, a dimostrazione della grande espansione vissuta dalla MTA in poco più di due anni. Ma il 2020 è stata anche la stagione dello Slam juniores vinto da Lisa Pigato, campionessa in doppio al Roland Garros; della crescita di tante altre promesse passate in seconda categoria; del rafforzamento del brand Milano Tennis Academy. “Da quando siamo partiti – dice Piercarlo Guglielmi, general manager della MTA – ci siamo posti l’obiettivo di racchiudere sotto il brand un insieme di valori, e stiamo continuando a lavorare per questo. Dal punto di vista tecnico, abbiamo rafforzato la completezza dell’offerta e la professionalità, mentre sotto l’aspetto tecnologico abbiamo portato avanti i progetti di Athletic Lab e Mental Lab, nel segno di modernità e innovazione. In questi giorni abbiamo stretto una nuova partnership con Thought Technology, azienda canadese che ci fornirà delle strumentazioni per il lavoro mentale”. Del 2020, anche i nuovi accordi con brand come Tag Heuer, Enervit e Mizuno, che hanno creduto nel progetto MTA, apprezzandone i valori, il lavoro e il modo di comunicare la quotidianità dell’accademia, con gli atleti nel ruolo di protagonisti. “Si tratta – continua Guglielmi – di un altro elemento importante del mix che va a comporre il brand MTA, e che ha reso la nostra offerta una delle più complete dell’intero panorama nazionale. Non a caso, quest’anno siamo stati continuamente sommersi di richieste, da parte di ragazzi da tutta Italia disposti a trasferirsi da noi”. È proprio questo il miglior attestato della qualità del lavoro svolto, pronto a garantire standard ancora migliori nel 2021.

Torna su
MilanoToday è in caricamento