La vita sotto il turbante

Nella giornata mondiale contro il cancro appuntamento con Go5 e i turbanti realizzati nel carcere di San Vittore. Ospite speciale la giornalista Sabrina Scampini

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Consorzio Viale dei Mille 4 febbraio- ore 18.30 Un appuntamento con le donne per le donne per vincere il cancro. Ospite speciale la giornalista Sabrina Scampini In occasione della giornata mondiale contro il cancro, il 4 febbraio alle ore 18.30 presso Consorzio Viale dei Mille, appuntamento con La vita sotto il turbante -Progetto Cristina, un progetto nato dalla collaborazione tra l’Associazione Go5 - per mano con le donne - Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e la Cooperativa Alice - Sartoria San Vittore. Ospite speciale dell’evento Sabrina Scampini, giornalista e autrice televisiva italiana che qualche anno fa ha combattuto la malattia. A fare gli onori di casa Luisa Della Morte, presidente del Consorzio Viale dei Mille. Seguiranno poi il saluto del presidente di Go5, Francesco Borasi e la proiezione in anteprima del video “Io sono qui” girato dal regista Fabio Ilacqua per Go5. Per illustrare il significato del video interverrà la vice presidente dell’associazione Daniela Risina. Go5, con le sue volontarie, sostiene le donne che stanno affrontando le cure e le loro famiglie e lo fa anche attraverso il lavoro della sartoria del carcere di San Vittore grazie all’iniziativa “La vita sotto il turbante – progetto Cristina”. È proprio in carcere, infatti, che nascono i turbanti realizzati dalla Cooperativa Alice - Sartoria San Vittore e venduti da Consorzio Viale dei Mille, il cui ricavato viene devoluto a Go5 per finanziare le attività dell'associazione attiva nel reparto di ginecologia oncologica. Si tratta di capi morbidi e colorati, disegnati da Rosita Onofri e pensati non solo per vestire le donne che lottano contro il cancro ma anche per tutte quelle che vogliono sostenere una alleanza tra donne malate e donne detenute alla ricerca di una seconda possibilità. Sostenendo il progetto di G05, infatti, si supporta anche un percorso virtuoso che assegna un valore tangibile al tempo speso in carcere. Durante l'evento saranno presentati i nuovi turbanti confezionati con cotoni provenienti dall'India.

Torna su
MilanoToday è in caricamento