Linecheck 2020 music meeting and festival presenta #soundvalues: il valore della musica

MILANO, ROMA, LONDRA E PARIGI 17-18-19 NOVEMBRE

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Dal 17 al 19 novembre 2020 si svolgerà la sesta edizione di Linecheck Music Meeting and Festival, la principale music conference italiana dedicata ad addetti ai lavori e music lovers, che anche in una versione fortemente digitalizzata metterà per tre giorni al centro dell’attenzione internazionale il mercato e la filiera musicale italiana ed europea con panel, masterclass e showcase in diretta streaming su linecheck.it. Il titolo di questa edizione è Sound Values, scelto per mettere al centro del dibattito il valore della musica dal punto di vista artistico, economico, sociale, di industria e di filiera nonché il ruolo della musica italiana nello scenario attuale a livello internazionale. La musica è al tempo stesso, come nella definizione del Manifesto della Musica Responsabile lanciato a Verona il 3 settembre scorso da Music Innovation Hub, un bene comune ed un prodotto commerciale, funzionale allo sviluppo culturale, alla coesione sociale ed opportunamente protetto e valorizzato anche da una vera e propria industria sostenibile. È quindi tempo di sottolinearne in maniera chiara l’importanza, soprattutto per quella Nuova Europa che si vuole costruire per ripartire dopo la crisi pandemica. Il tema portante di quest’anno – Sound Values - riecheggerà in tutti i meeting, toccando le corde di argomenti come il copyright & publishing, la diversità e inclusione, l’innovazione, la questione import/export, il turismo musicale, il mondo delle etichette e distribuzione, passando dal rapporto tra promoter e agenti, tra sync e brand, le nuove tecnologie fino ad esplorare il gap valoriale che si è creato tra l’artista e il consumatore, dando luogo ad una distorsione della percezione da parte dell’utente. Un contenuto deve avere un prezzo, avendo alle spalle talenti, professionalità e investimenti. Intendendo la musica come mezzo di comunicazione internazionale, l’edizione del 2020 di Linecheck avrà come paese ospite il Regno Unito, essendo l’evento artistico che chiuderà la stagione “UK/IT Season 2020 ‘Being Present’” del British Council. Oltre ad essere presenti nella line-up un cast britannico multiculturale e una delegazione virtuale dal Regno Unito, la quale parteciperà anche a dei panel, ci saranno anche altre nazioni: tra le prime confermate la delegazione canadese, paese ospite dell’edizione precedente Linecheck 2019. Il Festival di Linecheck sarà animato da una line-up ricercata, che vedrà in alternanza nuovi scenari musicali e volti affermati, come: Birthh, Cecilia, Camilla Sparksss, Fuera, Fivequestionmarks, Godblesscomputers, Kharfi, Ko Shin Moon, Los Bitchos, Marta DG, Mòn, M¥SS KETA, Neue Grafik Ensemble, Penelope Isles, QuinzeQuinze e Speranza. Il quartier generale del Festival come di consueto sarà il BASE MILANO: polo culturale in cui si innescano riflessioni sulla musica nel contesto più ampio delle imprese culturali e creative e si sperimentano nuove forme di innovazione sociale. Qui si radunano ormai da quattro anni centinaia di professionisti del settore musicale, di provenienza nazionale e internazionale. Se nel 2019 il Festival aveva cominciato un percorso espansivo sul territorio, sviluppando il programma serale lungo varie venues del distretto Navigli - la dimensione virtuale consentirà di pensare ancora più in grande, coinvolgendo città italiane ed europee, disegnando così un format totalmente nuovo e destinato a durare nel tempo. Oltre a Milano, infatti, Linecheck approda anche a Roma, Londra e Parigi, con show in diretta streaming rispettivamente dal Monk, Moth Club e dal Badaboum, con in arrivo ulteriori sorprese da altre città europee. Si sperimenta così una nuova modalità di fruizione e di produzione, dove il contenuto è prossimo al fruitore, riducendo l’impatto di costose trasferte internazionali e nazionali ed in qualche modo ridefinendo il ruolo delle città metropolitane non più in competizione tra loro ma interconnesse e focalizzate sullo stesso scopo: valorizzare le produzioni musicali estendendo il mercato ed abbattendo i confini nazionali. Tutti i contenuti verranno trasmessi in streaming a pagamento, su live.linecheck.it, una piattaforma digitale sviluppata in 9 diverse rooms (3 meeting, 3 festival, 1 networking e 2 academy), ciascuna delle quali disporrà di un player per le dirette streaming e di chat per l’interazione tra delegates e le domande agli speaker. I delegates di Linecheck potranno scegliere tra diverse tipologie di biglietto: l’abbonamento online, che include tutti i contenuti (FULL PASS Meeting + Festival) prevede un prezzo di 40€, per il biglietto daily (Meeting + Festival) il prezzo è 15€ mentre per usufruire solo dei contenuti serali del Festival il prezzo è di 6,90€. L'assoluta necessità di tutelare la proprietà intellettuale anche di fronte allo sviluppo tecnologico che impone nuove regole e scenari nonché i diritti dei lavoratori della filiera sono alcuni temi su cui Linecheck 2020 vuole porre l’attenzione, anche per cogliere le opportunità offerte dal più ampio mercato delle industrie creative e culturali. “Music Innovation Hub SpA è un’impresa sociale costituita per promuovere innovazione e responsabilità nel settore musicale italiano. Due aspetti che riteniamo chiave e tra loro collegati, soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo - dichiara Andrea Rapaccini, Presidente di Music Innovation Hub Impresa Sociale -. Il 2020 è stato un anno in cui ci siamo dati particolarmente da fare per fare sistema ed aiutare il settore, senza alcun supporto da parte delle Istituzioni Pubbliche. Insieme a FIMI abbiamo costituito “Covid 19 - Sosteniamo la musica” il primo fondo privato a supporto dei lavoratori della musica in difficoltà; abbiamo lanciato con ASVIS il “Manifesto della Musica Responsabile” per ridare centralità agli operatori della musica nel contribuire ad un futuro più equo e sostenibile; abbiamo realizzato “Heroes, il futuro inizia adesso”, il primo esperimento di live streaming a pagamento della storia della musica italiana. Il nostro ruolo di continuo stimolo all’innovazione e alla responsabilità del settore continua ora con “Linecheck”, giunto quest’anno alla sua sesta edizione, un momento in cui vorremmo che tutti i soggetti della filiera (artisti emergenti e consolidati, corporation ed indipendenti, promoter ed etichette) si potessero ritrovare per confrontarsi su come creare valore che, in particolare in questo momento, dovrebbe essere realizzato attraverso un approccio condiviso, collaborativo e non egoistico.” “La sesta edizione di Linecheck si sostiene, di fatto, sulla capacità di dare a questo progetto solidità e riconoscibilità internazionali. Attraverso i quattro diversi progetti del programma Creative Europe abbiamo fatto entrare l’Italia nella mappa europea ed internazionale in cui si discute e ci si confronta per lavorare come eco-sistema e non più come comparti e mercati separati - dichiara Dino Lupelli, General Manager di Music Innovation Hub - “oggi più che mai il Covid ci ha messo tutti davanti agli stessi problemi e la stessa dimensione internazionale di questa edizione va vista come una delle possibili risposte di una filiera che più che Resiliente deve diventare Anti-fragile, coesa, proiettata verso il futuro. Mettendo al centro di tutto il rispetto della proprietà intellettuale e del lavoro di ciascuno, Linecheck è uno spazio di cooperazione e condivisione di obiettivi, anche tra realtà in competizione tra loro”. Linecheck è prodotto da Music Innovation Hub, la prima Impresa Sociale nel settore musicale e la prima Impresa sociale SpA in assoluto in Italia e l’edizione 2020 è garantita dalla stabilizzazione di importanti rapporti istituzionali e di rete soprattutto con l'ecosistema europeo ed internazionale. Tra i principali partners infatti spiccano JUMP – European Music Market Accelerator, il progetto sostenuto dall’Unione Europea attraverso il programma Creative Europe per la valorizzazione delle nuove idee di impresa nel settore musicale, le reti ETEP - Europearean Talent Exchange Program e INES - Innovation Network Of European Showcases ed il nuovo progetto creativeSHIFT che sino al 2021 farà dialogare il comparto musicale con gli altri principali settori delle industrie creative e culturali. Infine, Linecheck è parte della rete globale Keychange, un movimento che si pone come obiettivo la ricostruzione totale dell’industria musicale in termini di parità di genere, il più ampio programma al mondo sulla gender equality, a cui la music conference aderisce per i prossimi tre anni. Linecheck sarà anche quest’anno main content partner della Milano Music Week prevista dal 16 al 22 novembre 2020. “Music works here” sarà lo slogan che accompagnerà questa quarta edizione per dimostrare, ancora una volta, la centralità di Milano come sede dell’industria musicale e creativa.

Torna su
MilanoToday è in caricamento