Milanin | Milano eil piccolo teatro: il grande amore

MilanIn
Milano e il Piccolo Teatro: il grande amore
Sabato 8 febbraio
ore 19
con Gian Luca Margheriti
Letture di Franco Sangermano, a cura di Egidio Bertazzoni

L’edificio del vecchio cinema Broletto è un luogo terribile nella memoria dei milanesi perché durante la guerra era stato occupato dalla Legione Ettore Muti, un corpo paramilitare fascista della Repubblica Sociale che usava quello spazio per incarcerare e torturare i nemici del regime. È l’inverno del 1947 quando per la prima volta Giorgio Strehler e Paolo Grassi entrano in quel luogo, ormai abbandonato, da una porta laterale. Quando raggiungono la piccola sala che conta poco più di quattrocento posti, un fascio di luce entra da una finestra, taglia l’intero spazio e arriva sul palcoscenico quasi come un illuminazione teatrale: per i due ragazzi è una sorta di epifania. È quello il luogo perfetto per creare il loro nuovo teatro stabile, il luogo perfetto per portare a Milano un nuovo modo di fare spettacolo che insegua le esperienze del teatro internazionale senza mai dimenticare la nostra eredità culturale; un posto in cui creare un teatro d’arte per tutti, che non sia solo uno svago o un diversivo, ma anche un luogo dove poter riflettere. Il teatro come servizio pubblico, usava ripetere Grassi, nonché il luogo del il riscatto dalla barbarie fascista. Il 14 maggio del 1947 va in scena il primo spettacolo del Piccolo Teatro della Città di Milano: L’albergo dei poveri di Maksim Gorkij, regia di Strehler. I personaggi bevono acquavite e si disprezzano, mettono in scena le loro miserie e speranze in una cantina buia e fumosa, palcoscenico ideale per rappresentare il tema della protesta sociale. Il lavoro di Strehler, che qui, parrucca in testa e fisarmonica alla mano, interpreta il ruolo del ciabattino Alioscia, piace alla critica, che apprezza in modo particolare il tono malinconico della recitazione degli attori. È l’inizio di una delle stagione più fervide e importanti della cultura italiana.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
email | prenotazioni@lab-arca.it
Ingresso unico con aperitivo 13 euro
Teatro LabArca, Via Marco d'Oggiono 1 Milano
MM S.Ambrogio - S.Agostino - P.ta Genova
Tram 2 - 9 - 10 - 14; bus 94

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Mostra Frida Kahlo alla Fabbrica del Vapore: "Il caos dentro"

    • dal 26 aprile al 2 maggio 2021
    • Fabbrica del Vapore
  • "Frida Kahlo - Il Caos dentro". A Milano una grande mostra dedicata all'artista messicana

    • dal 26 aprile al 2 maggio 2021
    • Fabbrica del Vapore
  • Riapre la mostra Frida Kahlo - Il caos dentro

    • dal 26 aprile 2021 al 2 maggio 2022
    • Fabbrica del Vapore
  • Sospesa: Triennale Milano, una grande mostra dedicata a Enzo Mari

    • dal 17 ottobre 2020 al 12 settembre 2021
    • La Triennale di Milano
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    MilanoToday è in caricamento