Fuori campo - Artisti outsider a Milano

FUORI CAMPO è la prima mostra di Outsider Art, o Art Brut, presentata a Milano da una Galleria privata

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

21 marzo - 4 aprile 2014

ISARTE | Corso Garibaldi, 2 (interno) - 20121 Milano | cell. +39 335 6941228 | www.isarte.net | info@isarte.net

Inaugurazione giovedì, 20 marzo - ore 18.00 | da martedì a sabato - ore 11/13 e 15/19

Ufficio Stampa Anna Orsi | cell. +39 335 6783927 tel. / fax +39 02 89010225 | anna.orsi@pressart.eu

Dopo il successo della mostra dedicata a Umberto Gervasi, la Galleria Isarte, unica attualmente a Milano, prosegue la sua ricerca nel campo dell'Outsider Art, presentando una collettiva di artisti italiani e stranieri.

FUORI CAMPO è la prima mostra di Outsider Art, o Art Brut, presentata a Milano da una Galleria privata.

Gli artisti chiamati outsider hanno tutti alle spalle una storia molto personale. Con questo termine infatti si indicano gli artisti che, per le vicende di vita più diverse, si formano e lavorano al di fuori del circuito ufficiale dell'arte e che spesso, proprio per questo motivo, sono portatori di intuizioni e di valori estetici originali. E' una produzione artistica che, anche a causa della crescente insoddisfazione nei confronti dell'arte contemporanea, sta attirando sempre più l'attenzione del pubblico e della critica (come dimostra la sua presenza nell'ultima Biennale di Venezia) e che è accompagnata da un mercato internazionale sempre più vivace ma che offre ancora prezzi contenuti.

Nella mostra di Isarte, realizzata in collaborazione con la galleria Rizomi-Art Brut di Torino, saranno esposte 50 opere di artisti di epoca e provenienza differenti. La scelta è caduta sia su autori già molto noti, come Marco Raugei e Paul Duhem, o addirittura considerati fra i maggiori outsiders del Novecento, come Carlo Zinelli, sia su artisti che si sono imposti negli ultimi anni all'attenzione del pubblico e dei collezionisti, come Giovanni Bosco, Maria Concetta Cassara, Jill Gallieni, l'americano Donald Mitchell, lo svizzero Francois Bourland, Gianluca Pirrotta e Curzio Di Giovanni.

In questa occasione viene presentata una novità assoluta: i disegni inediti e mai esposti di Ugolina (Ugolina Valeri), eseguiti fra il 1964 il 1967 nell'ospedale psichiatrico Paolo Pini di Milano.

La mostra e il catalogo sono curati da Giorgio Bedoni, psichiatra esperto di outsider art, e Francesco Porzio, storico dell'arte.

I più letti
Torna su
MilanoToday è in caricamento