Domenica, 25 Luglio 2021
Eventi

L'omceo al palazzo di giustizia di Milano per un processo simulato tra diritto e medicina

Sabato 5 e domenica 6 ottobre due giorni di formazione, sport e solidarietà

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

MILANO - Dove finisce la medicina e inizia la norma? Il Palazzo di Giustizia di Milano aprirà le sue porte sabato prossimo, 5 ottobre, per un Processo (simulato), aperto al pubblico, durante il quale Medici, Avvocati e Magistrati, nelle parti di accusa e difesa, cercheranno di rispondere a questa complessa domanda, partendo da un caso reale in cui una cefalea cela una malformazione artero-venosa cerebrale causando la morte di un giovane adolescente, per un ritardo diagnostico. In occasione della due giorni (Sabato 5 e domenica 6 ottobre) di formazione e sport organizzata da Vidas (Associazione che assiste i malati terminali), OMCeO di Milano, Ordine degli Avvocati e Associazione Nazionale dei Magistrati, infatti, le linee guida e il sottile confine tra medicina e norma finiranno sotto accusa in una “finta” udienza presieduta dal Giudice Elena Bernante, Presidente Sezione di Tribunale di Milano. Come in un autentico processo, all'esposizione del caso clinico, faranno seguito gli interventi dell'accusa col Pubblico Ministero Tiziana Siciliano, Procuratore Aggiunto della Procura di Milano, e della difesa rappresentata dall’avvocato Giammarco Brenelli del foro di Milano. “Il confronto sviluppato durante il processo simulato verte sull'efficacia e l'efficienza delle linee guida. Un insieme di regole stilate da esperti specialisti, per consentire al Medico di avere un modus operandi che dovrebbe consentire un percorso guidato diagnostico-terapeutico per le più comuni malattie. L'obiettivo è senza dubbio quello di ridurre al minimo la quota di errori. Generalizzare il concetto di linea guida non è tuttavia possibile, infatti risulta fondamentale la conoscenza del paziente e la capacità del medico di adattare, con buon senso e competenza, tali regole al singolo caso” afferma Roberto Carlo Rossi, Presidente dell'OMCeO di Milano. Un interessante spunto di riflessione e formazione, oltre che un'occasione per medici e avvocati di ottenere crediti ECM. Il programma si completerà il giorno seguente, domenica 6 ottobre, presso il Centro Sportivo Forza e Coraggio di Milano, invece sarà dedicata allo sport e alla solidarietà con la collaborazione dell'associazione I giovani x i giovani, che ha lo scopo di diffondere, ampliare e sostenere la pratica dell’attività sportiva per persone disabili. Due tornei che verranno disputati a momenti alterni: il triangolare tra squadre senior, a cui parteciperanno Ordine dei Medici, Legal Team e Maxibasket, e il torneo tra squadre giovanili del basket femminile milanese, con la straordinaria partecipazione di Sergio Tavčar, indimenticabile telecronista sportivo di Tele Capodistria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'omceo al palazzo di giustizia di Milano per un processo simulato tra diritto e medicina

MilanoToday è in caricamento