«Piano-forte»: music contest di corsa a ritmo di musica

Staffetta sulle note di Daniele Gambini, «il pianista che ascolta con le dita», per raccogliere fondi per l’associazione «L’Abbraccio Onlus»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

«Il pianista che ascolta con le dita». Così è stato definito Daniele Gambini per la sua capacità di ascoltare i suoni anche attraverso le dita, sopperendo così al suo deficit di udito. Pianista, musicologo e compositore, ipoudente dalla nascita, Daniele Gambini, 43 anni, sarà il protagonista di «Piano-Forte», una sorta di «maratona musicale» che si svolgerà giovedì 14 dicembre, dalle 18.30 alle 20.30, a Bareggio (via Milano, 92). Runners, «podisti della domenica» o semplici appassionati si potranno sfidare in una staffetta in cui il podista dovrà correre per dieci minuti. Il ritmo lo darà il pianoforte di Daniele Gambini. «Il nostro corpo è una unità, dice Daniele Gambini: sensi, occhi, vista, tatto e tutto il corpo, braccia, mani, ricevono il suono e lo tramutano in emozione. E’ questa è la bellezza della musica e l’unicità dell’ascolto: ogni persona sente a modo suo perché ogni corpo è diverso e l’emozione viene vissuta secondo il proprio modo di percepire i suoni». L’evento è sostenuto da «Iovedodicorsa», brand di Marco Frattini dedicato al mondo dei runners. L’idea è un crowdfunding, una raccolta fondi, a favore dell’associazione «L’Abbraccio Onlus» di Arluno che si occupa di bambini disabili e delle loro famiglie. «Abbiamo deciso di sostenere questo progetto – spiega Marco Frattini – perché siamo convinti che Daniele Gambini rappresenti la nostra “filosofia”: la musica per lui e la corsa per noi sono due strumenti che ci consentono di esprimerci e dare un senso alle nostre passioni». Nato a Verbania il 7 maggio 1974, Daniele Gambini è affetto da ipoacusia bilaterale medio-grave congenita diagnosticata all’età di quattro anni. Ha iniziato i suoi studi di pianoforte a dodici anni con Rachele Mazzoleni e, poi, con il direttore di coro, orchestra e concertista, Marco Berrini. Nel 2002 si è laureato in Musicologia, presso la «Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona», sede distaccata dell’Università degli studi di Pavia. Nel 2006 si è specializzato nell’insegnamento di educazione musicale per le scuole secondarie presso l’Università degli studi di Pavia e nel 2007 , sempre nella stessa sede universitaria, nell’attività didattica di sostegno agli alunni diversamente abili. Ha pubblicato due CD: «Davanti alla Luna» (2009) e «Nutrimento dell’Anima» (2016).

Torna su
MilanoToday è in caricamento