Fuorisalone 2018: la Statale diventa un museo d'arte moderna a cielo aperto

Compie 20 anni la mostra/evento della rivista Interni per il FuoriSalone della Milano Design Week. Allestita nei cortili della storica sede e in uno dei più begli orti dell’Università Statale di Milano, la mostra comprende progetti realizzati da professionisti e studi affermati della scena internazionale, aziende, istituzioni, start-up e giovani designer.

Dal 16 al 28 aprile, le installazioni sperimentali ideate sul tema “House in Motion”, declinano il rapporto tra uomo e tecnologia associando i concetti, apparentemente divergenti, dello stare e dell’andare, che le trasformazioni della contemporaneità rendono invece sempre più vicini. Una casa diffusa, transitoria e nomade aspetta il visitatore delle tante e variegate installazioni in mostra in via Festa del Perdono, a partire da My Dream Home, la torre di 12 container sovrapposti ideata dall'architetto Piero Lissoni. Situata in fondo al Cortile d'Onore della Statale, la costruzione ospita un progetto di unità abitativa ecosostenibile, e 2 mostre: una di disegni realizzati da bambini haitiani e l’altra di scatti d’autore realizzati ad Haiti, allestita con l'intento di sostenere la ricostruzione di case a Cité Soleil, la più grande bidonville dell'isola.

Nello stesso spazio ideato dal Filarete si trovano anche FutureSpace – il progetto di Peter Pichler che usa la potenzialità materica del legno, ispirandosi alle proporzioni e alla simmetria dell'architettura rinascimentale – e La scatola di lacca di Davide Rampello, la casa dei sogni dei bambini, che rappresenta l'urgenza e la meraviglia del sentimento adolescente del progettare, ispirata dalla semplicità dei materiali e dalla ricchezza dei colori della bottega del maestro cinese di lacca naturale Zhou Renda, nel sud della Cina. Gli spazi della Ca' Granda offrono alle forme e ai progetti della contemporaneità l’armoniosa scenografia degli storici cortili interni, dei portici e dei loggiati e il respiro funzionale degli spazi attraversati ogni giorno da migliaia di studenti, come il grande atrio dell'Aula Magna, dove si trova Face to Face, l'installazione di Mario Bellini che mette in dialogo due facciate di case, come fossero due persone, creando uno spazio di riflessione e approfondimento su confini e diaframmi tra interno ed esterno, tra privato e pubblico, esteriore e interiore, domestico e urbano. 

Anche l'Orto Botanico di Brera offre alla mostra del FuoriSalone l'incanto delle sue aiuole fiorite, come nel caso di smarTown, l'installazione ideata dai giovani architetti della School of Sustainability voluta da Mario Cucinella, che mostra l'intangibile bellezza dell'energia interpretando il giardino settecentesco come una contemporanea smart city, dove i visitatori possono immergersi in una scenografia popolata da 700 mini case di luce.

Si parla di

Video popolari

Fuorisalone 2018: la Statale diventa un museo d'arte moderna a cielo aperto

MilanoToday è in caricamento