Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 'mini suv' Volkswagen incanta il Salone del Mobile: ecco la nuova T-Cross

 

"Una vettura dall'animo multiforme": così è stata presentata la nuova T-Cross, l’ultimo crossover suv del gruppo Volkswagen, alla Design week di Milano.

Il ‘nuovo esponente’ della grande compagnia tedesca, è una vettura di 4,11 metri. Sorella minore della T-Roc, rispetto alla quale è più corta, la T-Cross nasce come un’auto "adatta alla vita in città".

“Sicurezza, intuitività e stile compongono l’essere multiforme della T-cross – ha spiegato ai microfoni di Milano Today Andrea Alessi, direttore Volkswagen Italia – tutte caratteristiche racchiuse nel nostro slogan ‘MoreThan1Thing’ (più di una sola cosa), che rispecchiano e caratterizzano la città di Milano, il suo essere dinamica e ancor di più la settimana del design”.

In funzione del Salone del Mobile, infatti, è ritornata anche la partnership tra la Volkswagen e Archiproducts, il più grande network online dedicato all’architettura e al design. Con l’esposizione della T-Cross in via Tortona, il gruppo tedesco, in collaborazione con lo studio di comunicazione visiva Truly Design ha pensato a un’installazione che potesse immergere i visitatori nel concetto dell’auto ‘multiforme’.

“Proprio all’interno del mondo del design – ha proseguito Alessi – abbiamo scoperto il concetto di ‘anamorfismo’, forma d’arte che fa sì che alcuni oggetti disegnati in modo particolare, l’uno vicino all’altro, assumano forme diverse a seconda del punto di osservazione. Per noi è stato fondamentale questo concetto per esprimere le caratteristiche della T-cross e per presentarla con questi valori nel mercato: la multiformità è l’anamorfismo, e gli specchi, e i colori vivi dei disegni che compongono l’installazione ne sono la prova”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento