Si spengono le luci a San Siro e si accendono a San Remo: trionfa Vecchioni

Con Milano ha un rapporto d'amore-odio: se ne era andato sul Garda, è tornato all'ombra della Madonnina "perchè non poteva farne a meno". I vecchi successi, i suoi liceali, il profilo da cantautore-popolare. E il trionfo all'Ariston

Alla fine, ha vinto. Il cantautore che non ha mai smesso di insegnare, se non dopo la pensione, e che in una sua canzone scriveva che la sua ragazza è il suo mestiere (di docente), ha trionfato col 48% di televoto, conquistando anche la "golden share" della giuria critica (con cui il cantante scelto scalava una posizione della classifica) e il premio "Mia Martini".

CHIAMATO DA MORANDI - Roberto Vecchioni incredulo ringrazia il suo amico Gianni Morandi ("Se non mi venivi a prendere tu, non ci sarei mai venuto qui") e si diverte come uno che, davvero, non se l'aspettava. La vittoria è stata largamente annunciata, non tanto dai giornali quanto dalle ovazioni del pubblico dell'Ariston fin dalla prima serata, a cui fanno seguito i commenti entusiasti in rete e in giro. Una settimana da sogno per Roberto Vecchioni, che porta a Sanremo un brano forse non all'altezza di certi capolavori che ha scritto in passato, ma diretto, semplice e sentito.

UN INNO ALL'AMORE - Un inno all'amore, non solo quello tra partner, con uno sguardo appena accennato all'attualità (i ragazzi e le ragazze che difendono "un libro vero", la Costituzione). Un brano che è stato in grado di mettere d'accordo molti: i giovani, i meno giovani, la giuria, i musicisti e il pubblico. Ricordando le polemiche dello scorso anno, quando gli orchestrali gettarono gli spartiti in segno di protesta contro il secondo posto di Pupo e Emanuele Filiberto, un successo. Corroborato anche dalla splendida interpretazione di "O surdato innamorato" nella serata dedicata all'Unità d'Italia. Vecchioni non è nuovo a Sanremo.

IL PASSATO - Nel 1968, venticinquenne e laureando in lettere, fu co-autore della canzone "Sera" cantata da Gigliola Cinquetti (ottavo posto). Partecipò poi personalmente nel 1973 con "L'uomo che si gioca il cielo a dadi", un brano molto intimo dedicato al padre, classificandosi settimo. E vinse (con "Voglio una donna") il Festivalbar del 1992: nel frattempo era diventato uno dei più apprezzati cantautori italiani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VECCHIONI E MILANO - Vecchioni nasce a Carate Brianza il 25 giugno del 1943. I genitori di Vecchioni sono napoletani. Il padre Aldo è commerciante, la madre Eva casalinga, e il fratello Sergio, secondogenito, notaio. Roberto si laurea nel 1968 in lettere antiche presso l'Università Cattolica milanese, nella quale resterà come assistente a Storia delle religioni; successivamente insegna in licei classici, come docente di greco e latino: tra i suoi allievi, la futura cantante Paola Iezzi, di Paola & Chiara. Si trasferisce sul Lago di Garda, ma l'esilio dalla Madonnina dura poco, qualche anno: "Non posso fare a meno della mia città". Con "Luci a San Siro" ha scritto uno vero e proprio inno meneghino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

  • Milano, scuola e covid: 4 bimbi positivi, tutte le classi in isolamento (più una educatrice)

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento