"Il suo nome era Giovanni"

Storia di un papa nato e morto povero. E' una produzione Teatro Officina per la regia di Antonio Grazioli.

Le povere origini contadine, la chiamata, la Guerra, l'esperienza ecumenica durata 27 anni: Papa Giovanni XXIII ha esortato il mondo intero a "cercare ciò che unisce e non ciò che divide", a "scuotere la polvere imperiale accumulata sul trono di Pietro", perché "la Chiesa non è un museo da conservare, ma un giardino da coltivare".
Gli attori che simultaneamente interpretano Giovanni sono quattro, e progressivamente spoglieranno il palco in un ritmico lavoro di sottrazione che svelerà il Segno: quello che rimarrà sarà una nuda croce.

Questo spettacolo rappresenta per il Teatro Officina una responsabilità intellettuale, un rinnovato impegno civile e morale, la testimonianza verso gli ultimi che abitano quel "luogo teologico" che solo oggi, agli occhi di molti, sono le cosiddette "periferie".

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Mostra Frida Kahlo alla Fabbrica del Vapore: "Il caos dentro"

    • dal 10 ottobre 2020 al 2 maggio 2021
    • Fabbrica del Vapore
  • "Frida Kahlo - Il Caos dentro". A Milano una grande mostra dedicata all'artista messicana

    • dal 10 ottobre 2020 al 2 maggio 2021
    • Fabbrica del Vapore
  • Riapre la mostra Frida Kahlo - Il caos dentro

    • dal 2 febbraio 2021 al 5 maggio 2022
    • Fabbrica del Vapore
  • Sospesa: Triennale Milano, una grande mostra dedicata a Enzo Mari

    • dal 17 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • La Triennale di Milano
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    MilanoToday è in caricamento