rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Eventi Trezzano sul Naviglio / Piazza San Lorenzo

Restaurate le torri della Milano romana: il percorso s'arricchisce

A guidare milanesi e turisti sono le mappe WalkMi-Milano cammina, con le indicazioni per visitare i siti, i musei e i monumenti presenti in città. Le mappe sono state installate, in collaborazione con Atm, nei mezzanini e nelle banchine delle stazioni della metropolitana di Cairoli, Cordusio, Duomo, Cadorna, Sant'Ambrogio e Porta Genova

Si è concluso il restauro delle due torri romane (quadrata e poligonale “di Ansperto”) del museo archeologico di Milano. La rinascita delle due torri arricchirà ulteriormente l’itinerario storico-culturale della “Milano Romana”: nove tappe a piedi, da via San Giovanni sul Muro a San Lorenzo, che i milanesi e i turisti già in questi giorni d’estate possono percorrere, alla (ri)scoperta dei luoghi del passato.

Questo primo itinerario sperimentale è stato pensato da Palazzo Marino, anche in vista di Expo 2015, nell’ambito del progetto di valorizzazione dei siti e dei beni archeologici della città antica, con nuove targhe, mappe e un’innovativa segnaletica in prossimità degli incroci. Un’iniziativa che vede la collaborazione del Comune e del Civico Museo Archeologico, con un contributo della Regione e la partecipazione del Consiglio di Zona 1.

A guidare milanesi e turisti sono le mappe WalkMi-Milano cammina, con le indicazioni per visitare i siti, i musei e i monumenti presenti in città. Le mappe sono state installate, in collaborazione con Atm, nei mezzanini e nelle banchine delle stazioni della metropolitana di Cairoli, Cordusio, Duomo, Cadorna, Sant’Ambrogio e Porta Genova.

Lungo il percorso sperimentale da Cairoli a San Lorenzo è possibile seguire anche una nuova segnaletica a terra: 35 “bolli” rossi da 30 cm di diametro orientano i visitatori tra i resti archeologici presenti nelle vicinanze, con l’indicazione della destinazione finale e del tempo necessario per raggiungerla a piedi. Questa nuova segnaletica permette di seguire le deviazioni indicanti i monumenti raggiungibili in pochi minuti e di ritrovare poi il percorso principale continuando il viaggio nella città romana. Altra novità: targhe con informazioni in italiano e in inglese sono state posizionate sulle facciate degli edifici, sia pubblici sia privati, dove sono presenti resti romani: sulle targhe è presente il QR Code per l’accesso tramite smartphone ai siti web del Turismo e del Civico Museo Archeologico.

Una mappa “Milano Romana”, infine, è a disposizione dei visitatori del Civico Museo Archeologico. Nell’ambito del percorso sperimentale “Milano Romana”, le due torri appena restaurate sono una testimonianza ben visibile nel giardino delle Civiche Raccolte Archeologiche, della nuova cerchia muraria risalente all’imperatore Massimiano.

La torre poligonale è collegata a un imponente tratto di mura che continua, a livello di fondazioni, anche nei sotterranei del Museo. È l’unica della cerchia massimianea conservatasi integralmente, con rifacimenti di epoche successive. È nota anche come Torre di Ansperto, poiché la tradizione milanese indicava il vescovo di Milano Ansperto da Biassono (869-881) come il costruttore o il restauratore della struttura. Alta 16,60 metri, la torre è a ventiquattro lati all’esterno e circolare all’interno.

Poggia su fondazioni circolari in conglomerato di malta, ciottoli e frammenti laterizi, dello stesso tipo di quelle che si ritrovano nei resti di torre poco più a nord, sempre nell’area del museo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Restaurate le torri della Milano romana: il percorso s'arricchisce

MilanoToday è in caricamento