Milano nella voce e nei versi del poeta Franco Loi

In Galdus l'11 marzo gli studenti del Centro di formazione professionale a lezione di storia con la poesia dialettale di Franco Loi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Milano 10 marzo 2014: gli anni della seconda guerra mondiale a Milano, i fatti, le emozioni e i timori, gli ideali e le violenze nei quartieri cittadini durante l'epoca fascista e la guerra civile: a parlarne con gli studenti di alcune classi professionali e' il poeta milanese, testimone d’eccezione, Franco Loi martedì 11 marzo alle ore 11.30 presso il Centro Galdus in uno degli appuntamenti promossi a Milano dal Premio Letterario Galdus.

Dopo aver incontrato gli studenti delle medie della scuola Leonardo Da Vinci - Istituto Don Orione lo scorso 4 marzo Franco Loi legge le sue poesie in milanese, accompagnato dall'attrice Enza Pippia e dalla sua lettura teatrale delle poesie in italiano, raccontando agli studenti i fatti, i luoghi e i sentimenti che hanno segnato la quotidianità di Milano in epoca fascista, coinvolgendo le classi in un percorso interdisciplinare, utile agli studenti degli anni finali anche per la preparazione dell'esame di fine ciclo scolastico.

L'iniziativa complessivamente mira ad approfondire l'attività didattica ordinaria e ad educare i giovani ai valori civici e alla memoria, facendo crescere il loro senso di appartenenza alla Storia e ai luoghi della città attraverso un incontro personale con alcuni dei suoi protagonisti.

Entrambi gli eventi si inseriscono nella rassegna culturale di Galdus all’interno del Premio Letterario, per cui già numerosi autori ed esperti di letteratura contemporanea hanno dialogato personalmente con gli studenti in concorso tra le scuole secondarie italiane per il Premio finale. Martedì 11 marzo 2014 ore 11.30 Centro di formazione professionale Galdus, via Pompeo Leoni, 2, Milano

FRANCO LOI Franco Loi, poeta italiano, nasce a Genova nel 1930 e si trasferisce nel 1937 a Milano, dove vive il dramma degli anni della guerra e la rinascita del dopoguerra. Qui, dopo avere svolto varie professioni, inizia a scrivere e orienta la sua attività al campo editoriale. Per le sue poesie sceglie il dialetto milanese della tradizione letteraria, il gergo non solo milanese, dagli arcaismi fino ai neologismi e alle sue personali invenzioni, ottenendo originalità espressiva velata di polemica sociale e politica. Insignito di numerosissimi premi e riconoscimenti - in Italia e all’estero nel corso della sua lunga carriera, è il presidente della giuria del Premio Letterario Galdus dal 2013. È autore di numerose raccolte poetiche a partire da “Stròlegh”, opera visionaria del mondo operaio e popolare della Milano anni Quaranta e Cinquanta, cui seguono “Teater “(1978), “L'angel”, romanzo in versi anche in genovese, emiliano e romanesco, “ L'aria “(1981), “Bach” (1986), “Liber” (1988). Ha realizzato poi: “Memoria “ (1991), “Umber “ (1992), “Arbur” (1994), “Amur del temp” (1999), “Isman” (2002), “Aquabella” (2004). Nel 2005 ha pubblicato “Aria de la memoria”, un'antologia delle poesie scritte tra il 1973 e il 2002. Con “Voci d'osteria” (2007) ha messo in forma poetica il materiale raccolto nel tempo ascoltando le voci comuni delle persone che usano il dialetto milanese. Autore anche di una raccolta di saggi (“Diario breve”, 1995) e di racconti (“L'ampiezza del cielo”, 2001), nel 2010 ne è stata edita l'autobiografia “Da bambino il cielo” mentre nel 2012 sono state pubblicate la raccolta poetica “I niül” e il testo “La luce della poesia”, riflessione sull'essenza dello genere poetico.

IL PREMIO LETTERARIO GALDUS Il Premio è un progetto culturale del Centro di formazione Galdus nato nel 2006 per sensibilizzare i giovani alla lettura e alla scrittura come strumento di scoperta del sé, per valorizzarne le idee e i talenti e creare un nuovo rapporto tra scuola, protagonisti della cultura, case editrici, istituzioni e territorio. Un laboratorio permanente di letteratura, poesia e arte per i giovani che coinvolge con eventi, incontri e dibattiti gli studenti italiani di scuola secondaria durante tutto l’anno scolastico. Quest’anno Galdus invita gli studenti a riflettere sul tema “La città delle Meraviglie”: visioni possibili dei luoghi e della società di oggi dalla prospettiva dei cittadini del futuro e a consegnare le produzioni entro il 31 marzo 2014. Il premio e’ cresciuto grazie alla collaborazione con Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comune di Milano, Ufficio Scolastico Regionale, Premio Internazionale di Poesia Montale, Bookcity, Feltrinelli, Museo Interattivo del Cinema e Centro Culturale di Milano.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento