Violetta Bellocchio presenta "Il corpo non dimentica (Mondadori)"

Giovedì 27 marzo, ore 19 Gogol and Company, via Savona 101, Milano presentazione del romanzo di Violetta Bellocchio "Il corpo non dimentica" (Mondadori) con l'autrice interviene Carlo Carabba Un mémoire scioccante e intensissimo dalla penna di una delle scrittrici più eccentriche e brillanti della sua generazione. Violetta Bellocchio ha trentaquattro anni e un buco nella memoria: tre anni cancellati, dai venticinque ai ventotto, perduti in un buco nero da cui emergono all'improvviso dolorosissimi flash. Tre anni da alcolista, da "binge drinker".

Una storia fatta di angoscia, di incontri sbagliati, ricoveri in ospedale, bruciature, svenimenti, del terrore di chiudere gli occhi per l'ultima volta. Una storia iniziata quasi per caso, «come altre cadono negli incontri di lotta clandestina, oppure vanno a recitare nei porno con calci e sputi», una storia che resta tatuata sulla pelle con tutta la sua violenza ma anche con l'assurdo splendore delle esperienze estreme. Così che, per liberarsene, la sola via è trovare il coraggio di rievocarla, e anche di ammettere tutto il fascino che emana. La dipendenza fa sentire «in ginocchio davanti a qualcosa che non capiamo», a un dio terribile che ha il potere di esaltare e di umiliare. «E' difficile smettere perché è impossibile accettare che niente ci farà sentire mai più così», «tu non sei una fiamma, sei la fiamma: tu bruci. Tutta quanta te, passata e futura, prende fuoco».

Comincia il lungo cammino della disintossicazione, quando tutti ti dicono che ce l'hai fatta e tu hai paura che basti un passo falso per rimandarti nell'abisso. Con terrore e pazienza, scheggia dopo scheggia, Violetta Bellocchio ricostruisce se stessa attorno a parole chiave che, come calamite, chiamano intorno a sé immagini e storie; e così facendo dà vita a un libro che è un mémoire coraggioso, di graffiante autoironia, e un documento letterario di straordinaria forza emotiva. Una lettura indimenticabile, in cui la sincerità è tagliente come la lama di un rasoio.

Pagine che vibrano di dolore e che ci raccontano come liberarsi da se stessi non sia mai possibile, come ogni catarsi sia un mito pericoloso, come solo la forza di riconoscere il passato apra la porta a un futuro possibile, consapevole, migliore. L'autore VIOLETTA BELLOCCHIO (1977), ha scritto per «Rolling Stone», «IL», «Rivista Studio», «Wired», «E-Il mensile», «Link». Con Mondadori ha pubblicato il romanzo Sono io che me ne vado (2009). Dopo aver terminato questo libro ha fondato la rivista online "Abbiamo le prove", un contenitore di storie nonfiction scritte da donne italiane.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Mostra Frida Kahlo alla Fabbrica del Vapore: "Il caos dentro"

    • dal 10 ottobre 2020 al 2 maggio 2021
    • Fabbrica del Vapore
  • "Frida Kahlo - Il Caos dentro". A Milano una grande mostra dedicata all'artista messicana

    • dal 10 ottobre 2020 al 2 maggio 2021
    • Fabbrica del Vapore
  • Riapre la mostra Frida Kahlo - Il caos dentro

    • dal 2 febbraio 2021 al 5 maggio 2022
    • Fabbrica del Vapore
  • Sospesa: Triennale Milano, una grande mostra dedicata a Enzo Mari

    • dal 17 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • La Triennale di Milano
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    MilanoToday è in caricamento