Scuole, alla Bicocca il progetto per promuovere la salute mentale di prof e studenti

Una policy europea coinvolge seimila studenti e i loro docenti per prevenire problemi come bullismo, depressione e ansia

Bicocca Università (repertorio)

Proteggere la salute mentale dei più piccoli attraverso la definizione di una policy europea. Questo l'obiettivo del progetto Promehs - Promoting Mental Health at Schools, che coinvolge seimila studenti europei e i loro docenti per prevenire i problemi di comportamento e del disagio scolastico, come bullismo, depressione e ansia. Il 29 e il 30 aprile, presso l’Università di Milano-Bicocca, verranno definite le strategie di attuazione del progetto.

Il progetto

L'Italia, capofila del progetto, lavorerà insieme a Croazia, Grecia, Lettonia, Portogallo e Romania per predisporre manuali e linee guida per studenti, docenti, dirigenti scolastici, genitori e policy-maker, al fine di promuovere la salute mentale di professori e studenti, dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria di II° grado. Il progetto europeo è coordinato da Ilaria Grazzani, docente di Psicologia dello Sviluppo e dell'Educazione di Milano-Bicocca presso Disuf e responsabile del Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione.     

I seimila partecipanti saranno divisi in due gruppi, il primo sperimentale e l'altro di controllo. Tutti prenderenno parte ad attività finalizzate allo sviluppo delle competenze sociali ed emotive, e alla prevenzione dei problemi di comportamento e del disagio scolastico, come il bullismo, la depressione, l’ansia, l’abuso di sostanze e i comportamenti autolesivi.

Gli obiettivi

La promozione della salute mentale e del benessere psicologico è uno degli obiettivi dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile. Alcuni recenti report dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e del Ministero della Sanità hanno evidenziato come il disagio psicologico e i disturbi mentali di bambini e adolescenti siano in continuo aumento, sottolineando la necessità di attuare programmi d’intervento a partire anche dal contesto scolastico. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A conclusione del progetto – dice Ilaria Grazzani - ci aspettiamo un miglioramento significativo della salute mentale e del benessere degli studenti e dei docenti del gruppo sperimentale, e una diminuzione del disagio psicologico, misurati attraverso indicatori quantitativi e qualitativi. Inoltre, sarebbe auspicabile, al termine del progetto, poter incidere sulle politiche educative a livello locale, nazionale e internazionale al fine di garantire la sostenibilità a lungo termine del programma di intervento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientro a scuola: come ordinare i libri on-line e riceverli a casa in 24 ore

  • I migliori libri per l’orientamento universitario

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento