Politecnico di Milano, nasce il master per designer degli spazi pubblici

Gestito da Poli.design, il corso ha l’obiettivo di formare professionisti in grado di elaborare progetti per gli spazi pubblici nelle città contemporanee, luoghi simbolici in cui la collettività si riunisce e si riconosce

Politecnico Milano (repertorio)

Il Politecnico di Milano propone un nuovo master rivolto a chi desidera diventare designer degli spazi pubblici. Intitolato 'Design for Public Spaces - Urban interior design in contemporary cities', il corso avrà l'obiettivo di formare professionisti in grado di elaborare progetti per gli spazi pubblici nelle città contemporanee, luoghi simbolici in cui la collettività si riunisce e si riconosce.

La figura del designer di spazi pubblici

“Viviamo un momento di crescita urbana e demografica senza precedenti e le città si trovano ad affrontare questioni sociali, economiche, culturali importanti. Abbiamo davanti a noi la sfida di progettare spazi che rispondano alle nuove esigenze collettive e che offrano molteplici opportunità d’uso. Il design ha le competenze per interpretare i bisogni emergenti e per disegnare spazi urbani belli e innovativi - ha dichiarato la professoressa Agnese Rebaglio, direttrice del Master -. Ciò che viene richiesto ai nuovi progettisti è di pensare a spazi sempre più flessibili, tali da potersi adeguare a un numero sempre più ampio di attività, ma anche a spazi in cui le comunità di abitanti e di fruitori possano riconoscersi, sentirsi accolti e sicuri.”

La qualità dello spazio urbano e della complessità delle comunità che ne fruiscono sono punti chiave di questa prima edizione del Master in collaborazione con Esne - Universidad de Diseño di Madrid, in cui la competenza accademica e professionale di alto livello della Scuola e la millenaria tradizione italiana di “vita urbana” incontrano la cultura e l’internazionalità della città spagnola.

Il master

In partenza a febbraio 2020, il percorso formativo sarà in lingua inglese e si svilupperà attraverso diversi workshop tra Milano, Madrid e altre città europee, dove sperimentare diversi approcci al progetto, vivendo una ulteriore esperienza in contesti urbani differenti. Il corso si distinguerà per l’alta opportunità di lavoro sul campo, in città ricche storia che guardano verso il futuro, in termini di progettualità, socialità e significati simbolici. L’obiettivo sarà quello di formare designer capaci di operare su aree non costruite come piazze, strade, parchi, rotatorie e altri vuoti urbani non definiti, prendendone in considerazione sia il contenitore (la forma costruita) che il contenuto (gli usi, anche temporanei). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Università: ecco le categorie lavorative più ricercate nei prossimi anni

  • Tutte le scadenze e le iscrizioni per la scuola dell’infanzia 2020/21

  • Come diventare elettricista

Torna su
MilanoToday è in caricamento