menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il termovalorizzatore Silla 2

Il termovalorizzatore Silla 2

Silla 2, parte il nuovo protocollo: saranno resi pubblici i dati sulle emissioni

La firma dei Comuni insieme a Regione, A2A e Parco Sud. Tra le compensazioni, sarà completata la pista ciclopedonale da Pero a Molino Dorino

Il termovalorizzatore Silla 2, a Figino, verrà monitorato attraverso un nuovo protocollo firmato da tutti i soggetti coinvolti. Il protocollo è stato siglato dalla Regione Lombardia, dal Parco Agricolo Sud, da A2A Ambiente e da diversi Comuni: Milano, Pero, Rho, Settimo Milanese e Cornaredo.

Diversi gli obettivi del progetto: anzitutto il monitoraggio ambientale intorno all'impianto, che sarà finanziato da A2A Ambiente (con 50 mila euro all'anno per cinque anni) ed effettuato da Arpa Lombardia; poi lo sviluppo del teleriscaldamento a Rho e Pero incrementando l'energia termica prelevata dall'impianto. Ancora, interventi di compensazione ambientale (finanziati da A2A Ambiente con 300 mila euro) e agevolazioni tariffarie sul conferimento dei rifiuti per i Comuni che hanno sottoscritto il protocollo. E poi la riqualificazione dell'area tra l'impianto e il deposito Amsa di via Silla.

Silla 2: interrogazione al Governo

Tra le compensazioni ambientali, verrà completata la pista ciclopedonale da Molino Dorino alla fermata M1 di Pero. Infine verranno resi pubblici i dati sulle emissioni nocive dell'impianto.

I commenti degli assessori all'ambiente

«Rafforziamo ulteriormente il monitoraggio sulla qualità dell’ambiente e del territorio, su cui insiste il Silla 2, avendo un occhio attento sia alle esigenze dei comuni coinvolti sia alle opere di compensazione ambientale. Un ottimo strumento per fare rete fra istituzioni e dare risposte concrete e trasparenti ai cittadini», ha commentato Claudia Terzi, assessore regionale all'ambiente.

Silla 2: il passaggio da Amsa ad A2A Ambiente

«Viene sancito l’impegno alla riqualificazione, alla bonifica e alla piantumazione delle aree di Milano sulle quali gravita l’impianto e che erano occupate abusivamente da nomadi. Oggi sono state messe in sicurezza da A2A e vengono quindi restituite al verde e alla qualità ambientale. Il nostro impegno, a tutela dei cittadini, è anche quello di dare massima diffusione ai cittadini dei dati di funzionamento dell’impianto», ha aggiunto Marco Granelli, assessore milanese all'ambiente.

Via Silla: nel 2015 lo sgombero del campo rom

«Il protocollo è nato come un patto con il territorio, che ospita l'impianto di Silla 2, da parte di chi gestisce l'impianto stesso (ora A2A). Serve da garanzia per il buon funzionamento dell'impianto, per il controllo del suo impatto ambientale e per stabilire alcune ricadute economiche e soprattutto ambientali positive a parziale compensazione di questa poco piacevole presenza. Dobbiamo recuperare il tempo perduto insediando al più presto il comitato tecnico-scientifico previsto dal protocollo, che ha diverse funzioni da svolgere a tutela, appunto dei territori», ha spiegato Gianluigi Forloni, assessore rhodense all'ambiente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento