menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il depuratore di Pero

Il depuratore di Pero

Una rete di sensori per beccare chi inquina i fiumi di Milano: ecco il "detective elettronico"

Il sistema monitorerà i fiumi della città metropolitana di Milano: ecco come funziona

Gli obiettivi sono tre: individuare gli scarichi abusivi, ridurre i cattivi odori e l’impatto ambientale. Per questo i corsi d'acqua della Città Metropolitana di Milano saranno sorvegliati da dei sensori: Cap Holding, gestore del servizio idrico integrato, installerà dei "detective elettronici" in grado di individuare in tempo reale sostanze inquinanti.

Il sistema si basa su tecnologia sviluppata da “Kando”, basata su un approccio di tipo “Early Warning”, che consente di rilevare in anticipo la presenza di sostanze inquinanti nelle acque reflue. Si tratta di un dispositivo che, facendo leva su un sistema di prevenzione e controllo, garantisce una capacità di previsione delle sostanze inquinanti e la possibilità di individuare con tempestività gli scarichi irregolari.

"Con l’installazione di queste sonde vogliamo estendere il progetto sul territorio che serviamo, visti i riscontri più che positivi della fase pilota, spiega Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP. L’obiettivo è utilizzare le tecnologie più avanzate per ridurre l’impatto ambientale e sociale, individuando chi inquina con sversamenti illeciti nelle nostre reti fognarie, rischiando di compromettere il funzionamento dei depuratori e quindi l’ecosistema del nostro prezioso patrimonio idrico. Tra le priorità c’è anche il benessere di tutte le persone che vivono nelle vicinanze dei depuratori, perché le sostanze inquinanti illecite possono anche generare quei cattivi odori che spesso vengono imputati agli impianti di depurazione".

Il nuovo sistema di monitoraggio in continuo della rete fognaria fa seguito al progetto pilota realizzato nel bacino del depuratore di Pero, uno dei più grandi fra quelli gestiti da Gruppo CAP: serve infatti 21 Comuni per 620mila abitanti equivalenti. La zona è stata scelta anche per le diverse attività produttive presenti, quali aziende di trattamento di rifiuti, farmaceutiche, chimiche e galvaniche. I risultati della prima fase hanno già portato a una notifica di reato e all’avvio dell’attività di controllo coordinata con l’Arpa (Agenzia Regionale Protezione Ambiente) e con la polizia provinciale, identificando l’origine dello scarico anomalo e bloccando di conseguenza la fonte di inquinamento.

Monitorare la qualità delle acque reflue consente da un lato di cogliere con precisione eventuali scarichi illeciti da parte di utenze industriali, dall’altro di rilevare in tempo reale la presenza di un determinato inquinante nella rete fognaria e di calcolare il tempo di arrivo al depuratore. Informazione fondamentale per i tecnici di Cap, che possono mettere in atto vere e proprie “misure tampone”, per mitigare l’impatto delle sostanze sul processo depurativo all’interno dell’impianto.

Come funziona il "detective elettronico"

Il progetto prevede l’installazione di sonde in continuo, in grado di analizzare diversi parametri lungo tutta la rete fognaria. Dall’analisi di ogni parametro viene individuato uno specifico indice di inquinamento che attraverso la correlazione e l’autoapprendimento dell’applicazione, permette identificare immediatamente eventuali episodi di contaminazione, per procedere tempestivamente con gli interventi.

Le centraline di rilevazione dei parametri possono essere integrate da un campionatore automatico che preleva un campione istantaneo quando la sonda rileva dati anomali, che viene poi analizzato in laboratorio per acquisire l’esatto contenuto di contaminanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento