life Duomo / Piazza del Duomo

Lavoro e divertimento: Milano nella top ten delle migliori città per giovani

Il capoluogo lombardo è quarto, dietro soltanto a Genova, Rimini e Savona. L'indagine ha preso in esame ventuno indicatori, dal lavoro al divertimento, passando per l'imprenditoria. Tutte le altre grandi città sono staccate

Milano tra le migliori città per giovani - Foto Cindy Rakers

Giovani in cerca di un lavoro che trovano con difficoltà, giovani precari in bilico, giovani “scoraggiati” che non studiano né lavorano. Eppure ci sono territori in Italia in cui gli under 30 hanno più occasioni e vivono meglio. 

Come a Milano, che, secondo la classifica stilata dall’ufficio studi della camera di commercio di Monza e Brianza, risulta essere la quarta provincia - la prima è Genova - più “vicina” ai giovani, con un ottimo “indice di vivibilità giovanile” che si attesta a 16,3 rispetto al 17 della capolista. L’indice, stilato dall’ufficio studi della camera di commercio di Monza e Brianza, prende in considerazione più di venti indicatori che mettono a raffronto parametri economici, demografici e sociali.

Tra gli “indicatori dell’indice di vivibilità giovanile” sono stati presi in considerazione il tasso di occupazione e di disoccupazione giovanile, il dinamismo imprenditoriale dei giovani, la densità territoriale delle imprese con titolare under trenta, le imprese guidate da giovani che stanno affrontando momenti di difficoltà, il tasso di imprenditorialità dei giovani stranieri. E sotto il profilo delle tendenze demografiche e sociali è stato indagato il peso della popolazione giovanile e dei servizi alla persona legati ai giovani: dagli impianti sportivi ai locali di ritrovo e di socialità, dai luoghi di cultura, alla rete distributiva.  

A Genova dunque i giovani under trento vivono meglio, hanno più opportunità a livello lavorativo e più possibilità di trovare facilmente luoghi culturali, di aggregazione e per il tempo libero, oltre agli esercizi commerciali. E nella classifica delle dieci città più “dinamiche” per i giovani seguono Rimini, Savona, Milano appunto, Prato, Trieste, Novara, Bergamo, Torino e al decimo posto Pistoia. 

Nelle prime trenta posizioni solo Pescara e Napoli tengono alto l’onore delle province del Sud. Un anno fa Genova era terza, dopo Prato e Rimini. Mentre Milano si conferma nella top ten e sale dalla sesta alla quarta posizione, Roma dal decimo posto slitta al dodicesimo. Entra Bergamo tra le prime dieci e lombardo è anche l’undicesimo posto con Varese.  

Nel dettaglio, l’analisi della camera di commercio di Monza ha preso in considerazione il tasso di occupazione e disoccupazione, il numero di giovani imprenditori, la percentuale di under trenta residenti in città, i servizi bar e le discoteche sul territorio e le biblioteche a disposizione dei giovani cittadini. 

Tutti indicatori che, evidentemente, hanno arriso a Milano. 

classifica-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro e divertimento: Milano nella top ten delle migliori città per giovani

MilanoToday è in caricamento