Milano, un grande "bosco" in città delimitato dai grattacieli: ecco il futuro di Scalo Farini

Stefano Boeri ha presentato il suo progetto per Scalo Farini. E c'è già l'ok del sindaco Sala

progetto boeri scalo farini-2

Niente palazzi, che dovranno svilupparsi in verticale. Ma porte aperte al verde, agli alberi, alle piante, ai bambini. 

È pronta a trasformarsi in un mega prato per bimbi Scalo Farini, l’area ex ferroviaria che il comune di Milano ha intenzione di recuperare insieme agli altri scali di Porta Genova, Porta Romana e San Cristoforo. 

L’idea è di Stefano Boeri, archistar papà del Bosco Verticale, che ha già trovato l’ok del sindaco. Venerdì mattina, infatti, il primo cittadino di Milano, Beppe Sala, ha detto del progetto di Boeri: “È molto positivo per almeno due motivi.  Credo si possa partire dallo scalo Farini, poi spesso sugli scali ci sono piccoli dibattiti. Ma bisogna partire subito da uno scalo e potrebbe essere Farini. L’idea di Stefano Boeri di un grande parco per i bambini mi trova favorevolissimo”. 

Al centro del progetto di Boeri, infatti, ci sono proprio i bimbi. A loro è dedicato l’immenso prato che dovrebbe nascere sullo Scalo, delimitato da alberi, piccoli boschi e grattacieli, per occupare quanto meno suolo possibile con gli edifici. 

Lo stesso Boeri, come racconta Il Corriere della Sera, ha ammesso di essersi ispirato al pratone che Fulvio Scaparro voleva per i bambini di Milano, quell’Aulì Ulè che oggi si trova all’Idroscalo.  

“Perché non duplicarlo, a Farini, dunque in centro alla città? - l’idea di Boeri -. L’immagine del pratone racconta che è possibile immaginare uno spazio dei bambini. Portare l’idea forte di Scaparro nel centro della nuova Milano è importante come averla realizzata all’Idroscalo. Nel più grande scalo merci in dismissione”. 

Non solo Scalo Farini, però. Perché ci sono da rimettere a lustro San Cristoforo, Porta Genova e Porta Romana. A loro sta pensando il Wwf con il supporto di Fondazione Cariplo in partnership con Comune di Milano, Cooperativa Eliante e Rete Ferroviaria Italiana e il loro progetto “Rotaie verdi”. In una descrizione: un mega parco verde che dovrebbe nascere sui binari come successo a Parigi e New York

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL PROGETTO ROTAIE VERDI: UN MEGA PARCO PER MILANO 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid coronavirus Milano e Lombardia: nuovo record assoluto, +2.419 casi

  • Covid, la Lombardia inasprirà le regole: stop a sport amatoriale, bar chiusi alle 21

  • Covid, le regole in Lombardia dal 17 ottobre: locali chiusi alle 24, stop allo sport di contatto

  • Milano, lunedì in centro arriva il laboratorio mobile: test gratis per il coronavirus (e per l'epatite C)

  • Milano, dramma in metropolitana: uomo si accascia e muore sulla 'gialla'. Treni fermi

  • Milano, abbassa la mascherina per far leggere il labiale all'amica disabile: 400 euro di multa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento