menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine repertorio

Immagine repertorio

Milano meno inquinata e più fresca: adottato il Piano Aria e clima

Tre gli obiettivi quello di rientrare nei valori limite di polveri sottili stabiliti dall’Unione Europea

Ridurre le concentrazioni di polveri sottili, anidride carbonica e contribuire a contenere l'aumento della temperatura locale. Sono questi alcuni degli scopi del Piano Aria e Clima, il documento di visione strategica per l’adeguamento della città di Milano che prevede il raggiungimento, nell'arco del periodo 2021 - 2050, dell’azzeramento delle emissioni di carbonio e dei gas clima alteranti.

Tra gli obiettivi del Piano,  la cui adozione è stata approvata dalla giunta del comune di Milano, il rientro nei valori limite delle concentrazioni degli inquinanti atmosferici Pm10, Pm2.5 e Nox (polveri sottili e ossidi di azoto) fissati dalla direttiva dell’Unione Europea; la riduzione delle emissioni di Co2 (anidride carbonica) del 45% al 2030 e la trasformazione del capoluogo lombardo in una Città Carbon Neutral al 2050; il supporto al contenimento dell’aumento locale della temperatura al 2050 entro i 2°C, mediante azioni di raffrescamento urbano e riduzione del fenomeno dell’isola di calore in città. Il testo deliberato proseguirà il suo iter in commissione consigliare e in consiglio comunale per la sua definitiva approvazione. 

Cosa prevede il Piano aria e clima

“Nel questionario condotto questa estate a cui hanno partecipato in più di diecimila - spiega l’assessore alla partecipazione, cittadinanza attiva e open data, Lorenzo Lipparini - i cittadini hanno confermato l'alto grado di preoccupazione per i temi legati al cambiamento climatico e all'ambiente, e la maggioranza di loro ha dichiarato la propria disponibilità a modificare i comportamenti quotidiani per contribuire agli obiettivi di sostenibilità dell'amministrazione. Il Piano delinea le azioni necessarie ad andare in questa direzione”. 
 
Il Piano per l’Aria e per il Clima - si legge in una nota di Palazzo Marino - si basa su cinque linee di intervento considerate prioritarie per una Milano che sia:  

  1. pulita, equa, aperta e solidale (sana e inclusiva);  

  2. una città che si muove in modo sostenibile, flessibile, attivo e sicuro (connessa e accessibile);  
  3. una città che consuma meno e meglio (ad energia positiva);  
  4. più verde, fresca e vivibile che si adatta ai mutamenti climatici migliorando la qualità della vita dei suoi abitanti (più fresca);  
  5. una città che adotta stili di vita consapevoli (consapevole).

 
Insieme all'adozione del Pac la Giunta ha approvato le linee di indirizzo per la sperimentazione di un percorso di partecipazione di tipo consultivo, rivolto ai cittadini. “Abbiamo previsto un programma articolato di incontri - aggiunge l’assessore Lipparini - che ci permetta di ascoltare i milanesi in tutti i Municipi, i portatori di interesse, gli esperti e di consultare un campione di persone estratte a sorte che si confronteranno sui contenuti del Piano. Tutti i testi e i materiali saranno consultabili online, in sicurezza e sulla piattaforma Milano Partecipa, configurata in formato open source, per garantire partecipazione di qualità e adattarsi agli standard di accesso ai servizi digitali e di tutela della riservatezza del comune”. 
 
I risultati del percorso di partecipazione saranno restituiti alla città con strumenti idonei a divulgare pubblicamente i documenti elaborati nel percorso partecipativo, i contributi propositivi prodotti sia dai cittadini sia dai Municipi. Finalità specifiche del percorso di partecipazione sono: diffondere una informazione chiara, esaustiva e trasparente sulla materia oggetto del piano e sui suoi contenuti nella loro totalità; valutare le soluzioni proposte nel piano per raggiungere gli obiettivi, obiettivi che non sono suscettibili di modificazione, allo scopo di prevenire la produzione di squilibri sociali, civili ed economici, e di ottimizzare il rapporto costi/benefici generato dalle risorse impiegate, siano esse materiali, economiche, conoscitive, civili; individuare ambiti concreti e realizzabili di miglioramento. 
 
Come primo strumento di ascolto per comprendere gli orientamenti dell’opinione pubblica milanese sulle tematiche ambientali di interesse dell’amministrazione comunale, è stato effettuato un questionario preliminare, attivato in modalità digitale, che si è chiuso il primo settembre. È stato rilevato il livello di conoscenza, di pensiero e la sensibilità generale che i cittadini hanno verso i cambiamenti climatici, oltre a testare i loro comportamenti e i vincoli ed eventuali contributi che l’amministrazione può dare su questo tema. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Coronavirus

Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento