rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
mobilità

Monopattini, stop del Tar per un ricorso di una società esclusa

Il servizio non potrà partire prima del 14 gennaio

Ancora uno stop sui monopattini elettrici in sharing a Milano. Dopo le vicende legate alle norme del codice della strada, che avevano portato il capoluogo lombardo a bloccare la sperimentazione precedentemente avviata, ora un ricorso di una società esclusa dal bando ha stoppato l'avvio del servizio. La decisione è del Tar, in attesa di sentire le parti (la Lime, esclusa, e il Comune di Milano). L'udienza è prevista per il 14 gennaio.

Le tre aziende scelte, Bit, Wind Mobility e Helbiz, sono quindi "ai box", in attesa di poter partire. A dicembre erano risultate le vincitrici del bando e si erano impegnate, entro sessanta giorni, a mettere in strada al massimo 500-700 monopattini a testa, per un totale massimo di 2.250 mezzi in città. I due mesi di tempo non saranno sforati ma le tre società sarebbero state pronte a partire subito. 

La Lime, l'azienda che si è rivolta al Tar, contesta alcuni dettagli del bando, metre altre aziende escluse hanno chiesto un incontro a Palazzo Marino per rivedere la situazione, che anche dal punto di vista legale è in divenire. Rispetto alla completa "deregulation", l'ex ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli aveva emanato un decreto che imponeva ai monopattini di circolare solo nelle zone pedonali, sulle piste ciclabili e nelle zone 30 (cioè con velocità massima di 30 km/h), ma un recente emendamento votato in Parlamento equipara i monopattini alle biciclette elettriche, consentendo quindi, almeno in teoria, di circolare ovunque circolino le biciclette. E questo allargherebbe il possibile utilizzo del monopattino in città, rendendo vetusto il limite di 2.250 mezzi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monopattini, stop del Tar per un ricorso di una società esclusa

MilanoToday è in caricamento