Adottare un figlio: come e dove presentare la domanda

Adottare un bambino è un momento delicato per le coppie e/o le famiglie: ecco una guida per scoprire i passi da compiere per le adozioni nazionali ed internazionali

Molte coppie e/o famiglie che desiderano adottare un bambino, spesso non sono a conoscenza delle procedure corrette da seguire. L'adozione, sia nazionale che internazionale, è infatti un momento importante, che prevede un iter strutturato. Scopriamolo qui.

La fase preliminare

La fase preliminare è la fase in cui il Tribunale per i Minorenni deve accertare lo "stato di abbandono" del minore.

I requisiti

Esistono alcuni requisiti che le famiglie o le coppie devono rispettare per procedere con l'adozione nazionale ed internazionale, vediamo quali:

  1. i coniugi devono essere sposati da almeno 3 anni, o in alternativa 3 anni comprensivi di matrimonio e di comprovata convivenza
  2. i coniugi adottivi ed adottato non devono avere una differenza di età inferiore a 18 anni e superiore a 45 (salvo alcune eccezioni)
  3. la disponibilità ad adottare un bambino va redatta in tre copie per la domanda nazionale e tre per la domanda internazionale
  4. la coppia che fa richiesta deve firmare la stessa al momento del deposito, davanti ad un funzionario incaricato presso il Tribunale per i Minorenni di Milano.

La domanda di disponibilità all’Adozione nazionale ha validità tre anni e può essere ripresentata.

Posta Elettronica Certificata, come ottenerla

L'iter legislativo per l'adozione nazionale e internazionale

Una volta depositata la domanda, il Tribunale per i Minorenni incarica la Medicina Legale di verificare la salute fisica della coppia o della famiglia. A seguito di alcuni colloqui di conoscenza, gli incaricati preparano una relazione scritta sociale e psicologica al Tribunale. Un Giudice Delegato incontra i coniugi per conoscere e valutare, in nome del Tribunale, l'idoneità della coppia. E' in questa fase che si stabilisce a quale famiglia affidare ciascun bambino, secondo i suoi bisogni.

Periodo pre-adottivo

Comincia quindi un periodo preadottivo di un anno, che diventa definitivo se l'abbinamento bambina/o-famiglia ha avuto esito positivo.

Adozione internazionale

La coppia che desidera procedere con un'adozione internazionale, dopo aver ottenuto l`idoneità dal Tribunale per i Minorenni, deve rivolgersi ad un Ente Autorizzato, tra quelli legalmente riconosciuti dalla Commissione per le Adozioni Internazionali. E' grazie a questi enti che diventa possibile, nel concreto, adottare un bambino in Paese Straniero.

Il primo passo è il colloquio informativo, rivolgendosi al Servizio Sociale o all`Asl - équipe adozioni, competenti per territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per scaricare i moduli visitare il sito dedicato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento