MilanoToday

Ifaba sigla l’acquisizione di una partecipazione con camont srl per un futuro ancora più sostenibile

L’unione strategica tra le due realtà inaugura una nuova era di produzione eco-compatibile nel settore calzaturiero, promettendo innovazione e responsabilità ambientale

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

In una mossa strategica che rafforza la sua posizione competitiva IFABA, eccellenza italiana e leader internazionale nella produzione di forme per calzature, annuncia l’acquisizione di una partecipazione in CAMONT Srl, la società che da oltre tre decenni rappresenta una realtà consolidata nel settore per la lavorazione sostenibile dei prodotti plastici. Con questa importante operazione, IFABA rafforza il proprio impegno verso pratiche eco-sostenibili, garantendo la continuità di approvvigionamento di materie prime riciclate e di alta qualità e, di conseguenza, la stabilizzazione dei prezzi nel mercato. “Non si tratta soltanto di un traguardo significativo per la nostra azienda, ma anche di un esempio di come l’industria possa evolvere verso un’idea di business sostenibile”. – dichiara Virginio Belloni, Socio fondatore del Gruppo IFABA – “Con CAMONT Srl al nostro fianco, infatti, rafforziamo la nostra leadership e ci impegniamo a promuovere un modello replicabile che possa ispirare tutti i calzaturifici e le aziende del settore manifatturiero, contribuendo così alla creazione di un'economia circolare più ampia in cui diventiamo noi stessi i pionieri di una nuova visione del futuro ricca di opportunità a misura di ambiente”. Sin dal 1984, CAMONT Srl ha incarnato l’innovazione sostenibile, trasformando rifiuti speciali non pericolosi in risorse preziose per la produzione di abbozzi in plastica. Adottando le migliori pratiche e strutture nel campo del recupero e del riciclaggio, l’azienda ha raggiunto un equilibrio perfetto tra la quantità di prodotti industriali obsoleti e i loro scarti di produzione. Il processo di recupero e riciclaggio consiste nel ritirare gli sfridi di plastica dai formifici e le forme in plastica dismesse dai calzaturifici, trasformandoli in nuove materie prime riutilizzabili nel ciclo produttivo. Operazione, questa, in grado di assicurare che ogni residuo venga recuperato. Si tratta perciò di un approccio particolarmente virtuoso che ha permesso a CAMONT di ottenere una completa neutralità e che assicura una costante disponibilità di materiali essenziali, contribuendo a moderarne i prezzi. In questo modo, l’azienda promuove la sostenibilità ambientale e, allo stesso tempo, garantisce la stabilità economica del proprio settore produttivo. L’acquisizione di una partecipazione in CAMONT si allinea dunque con la visione a lungo termine di IFABA, che punta a un modello industriale responsabile. Tra le iniziative ambientali già intraprese in questo senso, l’installazione di impianti fotovoltaici nelle sue sedi, riducendo significativamente le emissioni di CO2 e contribuendo alla sostenibilità ambientale con un impatto paragonabile alla piantumazione di migliaia di alberi. Ma l’impegno di IFABA non si ferma qui: uno specifico piano di azioni di efficientamento in tutti gli stabilimenti del gruppo industriale ha innescato una significativa riduzione del consumo energetico con un approccio alla produzione capace di coniugare la responsabilità e la sostenibilità a 360 gradi attraverso un perfetto bilanciamento. È questa la risposta concreta alle sfide del futuro garantita da IFABA.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ifaba sigla l’acquisizione di una partecipazione con camont srl per un futuro ancora più sostenibile
MilanoToday è in caricamento