menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Maltempo in arrivo, a Milano il Comune mette tutti in guardia per il Seveso e il Lambro

Il Centro funzionale monitoraggio rischi naturali emette un avviso di criticità gialla

Le previsioni meteo dicono pioggia e il Centro funzionale monitoraggio rischi naturali della Regione Lombardia emette un avviso di criticità gialla (ordinaria) per temporali forti dalle ore 20 di lunedì 21 settembre.

L'estate sembra davvero finita - anche se a dire il vero anche durante i mesi più caldi non sono mancate le emergenze meteo in Regione -  tanto che il Comune di Milano attiverà il monitoraggio dei livelli idrometrici dei fiumi Seveso e Lambro e del radar e saranno allertate le squadre di Polizia locale, Protezione civile e MM servizi idrici al fine di graduare l’attivazione del piano di emergenza.

Il meteo in Lombardia

La protezione civile di regione Lombardia ha diramato un'allerta meteo di criticità ordinaria - codice giallo, livello di pericolo 2 su 4 - per "rischio idrogeologico" e "rischio temporali forti". "Un'ampia circolazione depressionaria centrata sulla Francia meridionale apporta sulla Lombardia tempo perturbato, con rovesci o temporali intermittenti tra oggi 21/09 e mercoledì 23/09, possibili su tutta la regione", si legge nel bollettino del Pirellone.

"Dal pomeriggio di lunedì 21/09 prevista media probabilità di temporali forti sull'Appennino pavese, in estensione nelle ore successive alle Prealpi centro-occidentali; dalle ore 20 circa di è previsto l'interessamento della Pianura centro-occidentale, con prosecuzione nella prossima notte. Domani 22/09 - si legge nelle previsioni - si conferma una media probabilità di temporali forti, con estensione nel pomeriggio a Valchiavenna, Prealpi orientali e Pianura orientale. Dalla serata di martedì 22/09 prevista l'intensificazione dei fenomeni a livello areale sui settori occidentali".

"Mercoledì 23/09, persistenza di tempo perturbato, dal pomeriggio con tendenza a spostamento dei fenomeni più significativi, dapprima su Alpi e Prealpi e poi sui settori orientali, con progressivo esaurimento dal tardo pomeriggio-sera", conclude il bollettino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento