MilanoToday Porta Volta

"Tralasciando le impossibilità": mostra di Carmine Carlo Maffei

L’ arte di Carmine Carlo Maffei è molto varia e prolifica sia nei contenuti sia negli stilemi o nella tecnica: spazia da raffigurazioni curvi- formi di corpi sinuosi, talvolta volutamente asessuati, a volti appena accennati che si ripetono ritmicamente sulla tela. Dipinge con tecniche miste e ama farlo per il gusto di sperimentare, gusto che in lui emerge spontaneamente; subitaneo e fortemente istintivo; tipico di quel fare da artista curioso; per approfondire la conoscenza, nei più svariati ambiti creativi.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

"Tralasciando le impossibilità", mostra personale di pittura di Carmine Carlo Maffei a cura di Massimiliano Bisazza. Opening: 10 dicembre 2014 dalle h 18,30 alle h 21,00 in mostra fino al 23 dicembre 2014 mattino presso la Galleria d'Arte Contemporanea Statuto13, via Statuto, 13 (corte int.) - 20121 Milano. Apertura al pubblico: dalle h 11 alle h 19 dal martedì al sabato

L' arte di Carmine Carlo Maffei è molto varia e prolifica sia nei contenuti sia negli stilemi o nella tecnica: spazia da raffigurazioni curvi- formi di corpi sinuosi, talvolta volutamente asessuati, a volti appena accennati che si ripetono ritmicamente sulla tela. Dipinge con tecniche miste e ama farlo per il gusto di sperimentare, gusto che in lui emerge spontaneamente; subitaneo e fortemente istintivo; tipico di quel fare da artista curioso; per approfondire la conoscenza, nei più svariati ambiti creativi.

In altri lavori artistici propende invece verso atmosfere surreali, oniriche, dove tutto è sospeso e atemporale e dove i toni caldi si miscelano sapientemente a quelli freddi senza farne emergere "frizioni" estetiche, ma semplicemente lasciando intendere ciò che il'artista vuol far intravedere del suo vissuto soggettivo.

Atmosfere lunari si accostano a caroselli biomorfici; corpi si aggrovigliano in pseudo uteri che per antonomasia sono contenitivi; dove la vita è vita e dove tutto è possibile, sono protetti da invisibili liquidi amniotici e paiono socchiusi in placente metafisiche. L'artista beneventino trae dunque forza dalle viscere della terra, della profonda scelta di sentirsi libero di esprimersi e di trasmetterci il nucleo del proprio essere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tralasciando le impossibilità": mostra di Carmine Carlo Maffei

MilanoToday è in caricamento