MilanoToday

'Ndrangheta Ortomercato, 4 condanne in primo grado

Chiuso ieri il processo di primo grado per le infiltrazioni mafiose all'Ortomercato di Milano. Quattro condanne a 10 anni e 6 assoluzioni. I dettagli

Concluso il primo dei tre gradi di giudizio per le infiltrazioni mafiose all'Ortomercato di Milano. I giudici della sesta sezione penale del Tribunale di Milano hanno condannato Mariano Veneruso e Antonio Marchi a 10 anni di reclusione, mentre hanno inflitto 7 anni e 8 mesi ad Antonio Paolo. A due anni con pena sospesa è stato condannato invece Giuseppe Bruno.

Dalle indagini è emerso che Paolo gestiva all'interno dell'Ortomercato il night 'For a King', per conto di Salvatore Morabito (già condannato in appello a 13 anni e 8 mesi di reclusione), nipote del boss calabrese Giuseppe Morabito. Nel locale, secondo l'accusa, era stato organizzato un vero e proprio traffico di stupefacenti gestito da Veneruso, uomo ritenuto dagli investigatori molto vicino al boss Salvatore Morabito.

Gli altri 6 imputati, invece, sono stati assolti. I giudici hanno riconosciuto anche il risarcimento dei danni a carico dei condannati (da definirsi in un giudizio civile) a favore della Sogemi, la società che gestisce il mercato ortofrutticolo, e del suo presidente Roberto Predolin, che si sono costituiti parti civili rappresentati dall'avvocato Davide Steccanella.


Si è concluso così il primo grado della seconda tranche di indagini. Le infiltrazioni all'Ortomercato, nei mesi scorsi, avevano portato già a 14 condanne in appello, per una pena fino a 14 anni e 4 mesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ndrangheta Ortomercato, 4 condanne in primo grado

MilanoToday è in caricamento