Chiuso l’aeroporto di Milano Linate dal 27 luglio al 27 ottobre. Scopri cosa cambia

Tra le preoccupazioni popolari e le grandi ambizioni della città, ecco cosa sta per succedere

La prima domanda che sorge sull’argomento è: perché?

Togliamoci subito il dubbio: ogni 15/20 anni ci sono dei lavori di manutenzione straordinaria che devono essere effettuati obbligatoriamente. Per aumentare l’efficienza dei servizi, e soprattutto per adeguarsi ai sempre più elevati standard di sicurezza garantiti ai passeggeri.

Perché proprio in estate?

Dal 27 luglio al 27 ottobre 2019 saranno rifatte la pista di decollo e atterraggio, lunga 2,4 chilometri e larga 60 metri, e quella di rullaggio. Verrà completamente rifatto il manto, per uno spessore totale di circa 60 centimetri, e verranno sostituite le testate in calcestruzzo con altre testate in cemento, un materiale più flessibile, moderno e sicuro. Questo intervento è fattibile soltanto nel periodo estivo, infatti, essendo legati alla lavorazione del catrame, è necessario che ci sia bel tempo e temperature alte per una resa migliore.

Milano è una città con grandi ambizioni, per questo viene colta l’occasione per eseguire in contemporanea un restyling capace di ottimizzare i flussi dei passeggeri e di regalare un’esperienza di viaggio sempre più comoda e agevole.

Una parte dei lavori riguarderà l’installazione dei quattro nuovi sistemi di BHS (Baggage Handling System), ovvero l’impianto che gestisce le valigie e le prepara prima dell’imbarco sull’aereo (10,9 milioni di euro di investimento). Questi sistemi di ultima generazione permetteranno controlli più accurati delle valigie, aumentando i livelli di sicurezza e accorciando i tempi di controllo e smistamento.

Verrà ampliata l’offerta commerciale dell’aeroporto con nuovi negozi, dalle eccellenze cittadine ai trends più recenti. Inoltre, un elemento architettonico molto distintivo creerà un effetto luminoso che darà all’aeroporto un’immagine più moderna e iconica.

L’obiettivo è di creare, nel 2021, un vero City Airport per la città di Milano.

Quindi, rassicurati sulle valide motivazioni dietro ai lavori, non resta che pensare ai passeggeri.

Che ne sarà dei voli previsti da e per Linate?

Ovviamente siamo a Milano. E qualunque cosa viene fatta in pieno spirito meneghino.

I voli saranno semplicemente trasferiti su Malpensa, e saranno potenziati adeguatamente i collegamenti con l’aeroporto. Quando servirà organizzare un transfer, tutte le cose da sapere saranno qui: https://www.milanomalpensa-airport.com/it/da-per/in-bus

E se ci fossero dubbi sulla capacità di Malpensa di coordinamento dell’extra flusso, basti pensare che 5 milioni di passeggeri extra in un aeroporto che ne gestisce quasi 30 è assolutamente alla portata. Presumibilmente, sarà l’attività ordinaria del prossimo futuro di Milano Malpensa.

Inoltre, sono stati avviati nei mesi scorsi importanti interventi di rinnovamento e ampliamento (per un totale di oltre 18 milioni di euro di investimento). A dimostrazione che da decenni l’aeroporto di Malpensa è abituato ad operare con una visione di un futuro in crescita, dove questo flusso deviato da Linate sarà solo ordinaria amministrazione.

C’è solo una cosa che ti deve preoccupare: hai deciso dove andrai quest’estate?

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Milano, paga 15 euro ed esce dall'Esselunga con 583 euro di spesa: "Sono sudcoreana"

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

  • Sangue sul Sempione, schianto auto moto: morto ragazzo di 20 anni, gravissima l'amica

Torna su
MilanoToday è in caricamento