Ecco la profusione di fiori che invade Milano

Un’iniziativa dedicata alle api, piccoli insetti laboriosi che, purtroppo, sono in pericolo

I fiori sono dei meravigliosi prodotti della natura: di qualsiasi forma e colore, dipingono i paesaggi con variopinte pennellate, arricchendoli e rallegrando chiunque si trovi ad ammirarli. Essi, però, non sono solo belli, ma hanno anche l’importante funzione di fungere da nutrimento per le api, tra i più importanti insetti impollinatori, che svolgono un ruolo fondamentale per il Pianeta.

Grazie all’impollinazione, infatti, mantengono la biodiversità ambientale e sono responsabili più del 70% del cibo sulle tavole.
Purtroppo, i cambiamenti climatici in atto stanno colpendo questi utili insetti; i gas serra sono in costante aumento, le zone verdi (come, ad esempio, le foreste) sono state sostituite da campi coltivati, strade, città, mentre il consumo delle risorse a disposizione è diventato sempre più intenso. Di conseguenza, sono aumentate le temperature globali, e ciò ha causato lo scioglimento dei ghiacciai e l’innalzamento del livello dei mari.

Gli sconvolgimenti dei cicli della natura hanno influito anche sui fiori, che non hanno più nettare e di conseguenza le api non riescono a trovare il nutrimento necessario per sopravvivere e continuare a svolgere il loro lavoro.

Ecco perché la start up 3Bee ha attivato una bella iniziativa: dal 1 ottobre fino a dicembre, infatti, un tram ricoperto di fiori girerà per Milano (sulle rotaie delle linee 2 e 19).

Su tale mezzo campeggerà anche un caustico messaggio: “Caxxoè, primavera?”, offerto dal Milanese Imbruttito, che collabora al progetto. Il suo team, infatti, ha subito colto l’importanza del progetto, sposando la causa promossa da 3Bee, supportandola in termini creativi. Il Milanese Imbruttito è stato quindi in grado di trovare il modo, sempre con i tipici toni irriverenti, di porre l’attenzione su un tema importante come la salvaguardia delle api e della biodiversità.

800x600-P9300096-2

Lo scopo della campagna è quello di sensibilizzare il maggior numero di persone sulle tematiche del cambiamento climatico: le temperature anomale, infatti, influiscono negativamente sulle attività delle api.
La Coldiretti aveva già fatto notare come il caldo inusuale dell’inverno italiano (con 1,65°C in più rispetto alla media) avesse messo a repentaglio la vita dei 50 miliardi di api che vivono in 1,5 milioni di alveari, a causa di un inizio anticipato della loro attività, a febbraio, con il rischio di essere poi sorprese da una gelata in primavera inoltrata. Ad aggravare la situazione, poi, si unisce l’abuso di pesticidi.

Per questo, 3Bee e il suo “tram fiorito” vogliono toccare gli animi di tutti coloro che potranno ammirarlo, portandoli a riflettere sugli accorgimenti che si possono assumere, tutti i giorni, per impattare meno sull’ambiente.
Inoltre, ci sono anche altre azioni che ognuno può intraprendere: il “tram carico di fiori”, infatti, suggerisce anche di adottare un alveare, uno dei sistemi sociali più complessi al mondo.

Perché, però, 3Bee ha tanto a cuore le api? Già il nome lo suggerisce. 3Bee è una startup “green”, che sviluppa sistemi intelligenti di monitoraggio e diagnostica per la salute degli animali da allevamento e che ha rivolto l’attenzione, in primis, alle api, proprio in virtù della vitale importanza che queste rivestono per il pianeta.

Attraverso l’innovativo sistema Hive-Tech ideato, gli apicoltori che lo impiegano possono monitorare, 24 ore su 24 e in modo completo, il proprio alveare. Il dispositivo è bio-mimetico e rileva differenti parametri vitali delle api, necessari per la valutazione delle condizioni e dello stato di salute dell’alveare, ottimizzando l’organizzazione dell’attività; il sistema, infatti, consente interventi tempestivi e puntuali, migliorando la salvaguardia dei propri alveari.

Grazie al programma Adotta un alveare” di 3Bee è dunque possibile, per chiunque, sostenere a distanza un apicoltore italiano (che, naturalmente, impiega i sistemi Hive-Tech), e verificare costantemente la condizione dell’alveare.

Alla fine della stagione apistica, viene poi recapitato il miele scelto rispettando, finalmente, il ciclo naturale di produzione.

Per scoprire di più riguardo a 3Bee e al mondo delle api, è possibile visitare il loro sito.
Un piccolo gesto, da parte di ognuno, può portare grandi risultati.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, Lombardia zona rossa: faq aggiornate al 20 gennaio per capire bene cosa si può fare

  • Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

  • Coronavirus, Regione Lombardia: sospendere subito la zona rossa per 48 ore. Il ricorso

Torna su
MilanoToday è in caricamento