Uno scooter ogni 100 metri: a Milano lo scooter sharing conviene

Entro il 30 settembre Cityscoot regala 60 minuti di guida

Chi vive a Milano sa bene come il traffico sia di fatto un problema cronico: nelle ore di punta – ma non solo – spostarsi in macchina per le strade del capoluogo lombardo è difficoltoso ed è indubbiamente un’esperienza stressante. In particolare, ora che le scuole hanno riaperto e molti lavoratori sono rientrati in ufficio dopo mesi di home working, percorrere in automobile tratti anche brevi può essere una piccola odissea.

Proprio per questa ragione un numero sempre maggiore di milanesi opta per lo scooter: agile, sicuro e ideale per sfuggire alle maglie del traffico, questo mezzo permette di muoversi con rapidità da una parte all’altra della città senza dover correre il rischio – piuttosto alto – di ritrovarsi imbottigliati in qualche ingorgo.

Acquistare uno scooter: costi e benefici

Tuttavia, al netto dei benefici in termini di mobilità e rapidità di spostamento, l’acquisto di uno scooter implica una serie di costi fissi non indifferenti che gravano sulle spalle del proprietario: manutenzione, assicurazione, bollo, carburante e altro ancora.

Senza considerare poi potenziali spese ulteriori per le riparazioni di danni dovuti a incidenti, atti vandalici e manto stradale dissestato.

Una soluzione alternativa: lo scooter sharing

È possibile uscire da questa impasse? Fortunatamente nelle grandi città europee da anni è in atto un ripensamento totale della mobilità in termini di sostenibilità e flessibilità, che vada oltre il paradigma della proprietà del mezzo di locomozione. Da qui la costante crescita dei servizi di mobility sharing, utilizzati da un bacino di persone sempre più ampio. Una delle realtà più innovative e importanti di questo settore è Cityscoot che offre il servizio di scooter sharing elettrico più ampio a Milano.

Gli scooter a emissioni zero della flotta dell’impresa di origine francese, oltre a favorire la prospettiva di una mobilità sostenibile, permettono di muoversi rapidamente per le vie di Milano senza dover sottostare agli orari vincolanti dei mezzi pubblici e sgravano l’utente dai costi fissi per il mantenimento del mezzo.

Il tutto senza limiti di copertura territoriale: a settembre, infatti, la flotta di Cityscoot è stata portata a 2.000 unità allargando la capillarità del servizio a nuovi quartieri come Lampugnano, Barona, Affori, Stadera, viale Misurata e via Fantoli. Un’implementazione che è più un punto di partenza che di arrivo: nei prossimi mesi, la copertura verrà ampliata ulteriormente a nuove zone della città.

Ma non finisce qui! Spostarsi per Milano con Cityscoot ora sarà più conveniente che mai: Cityscoot offrirà – grazie al codice promozionale CITY60 – ben 60 minuti gratuiti a tutti coloro che si iscriveranno al servizio entro il 30 settembre: in aggiunta, per 30 giorni, i nuovi utenti potranno viaggiare gratis per i primi 5 minuti di tragitto.

Inoltre, in collaborazione con il M.C. Motofalchi della Polizia Locale di Milano, sono ripartite le lezioni di guida gratuite offerte da Cityscoot, che mettono l’utenza in condizione di acquisire sia le conoscenze tecniche dello scooter sia una maggiore padronanze alla guida.

Giunta a Milano solo un anno fa – dopo aver lanciato il suo servizio nel 2017 a Parigi e poi a Nizza – Cityscoot si conferma, insomma, una delle realtà di mobility sharing più interessanti e innovative, combinando un servizio diffuso sul territorio urbano con iniziative vantaggiose per incentivare gli abitanti delle città europee a una mobilità sostenibile e slegata dalle logiche tradizionali. Cosa aspetti? Scarica l'App.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento