Politica Taliedo / Piazza Ovidio

Anziano pugnalato in piazzale Ovidio, Bassi (LN): "Area da riqualificare"

"Da tempo - racconta il consigliere che è anche membro della segreteria provinciale del Carroccio milanese - segnaliamo l'aumento di gruppi di immigrati che bivaccano in quel quartiere. Quanto successo ora è davvero sconcertante"

"Massima solidarietà e vicinanza con l'augurio di una pronta guarigione". L'esprime il capogruppo della Lega Nord del Consiglio di Zona 4 del Comune di Milano, Paolo Guido Bassi all'anziano che ieri in piena mattina è stato pugnalato al collo da due extracomunitari di fronte all'Esselunga di Piazzale Ovidio (Zona 4) dopo essere stato derubato dell'orologio e del portafoglio.

"Da tempo - racconta il consigliere che è anche membro della segreteria provinciale del Carroccio milanese - segnaliamo l'aumento di gruppi di immigrati che bivaccano in quel quartiere. Quanto successo ora è davvero sconcertante! Riceviamo di continuo lamentele dei residenti, ma l'amministrazione sembra sorda al problema. Peggio - denuncia Bassi - sembra disinteressata a intervenire. In Consiglio di Zona - fa sapere - abbiamo recentemente valutato la proposta di una associazione culturale, l'HC, che si offriva di realizzare un progetto di riqualificazione dei giardini antistanti il supermarket di Piazzale Ovidio notoriamente male frequentati. La proposta, dall'esiguo importo: 2700 euro, era finalizzata proprio a favorire una riappropriazione del territorio da parte dei residenti, ma è stata accantonata dalla maggioranza di centrosinistra con la giustificazione che non c'erano soldi. Peccato che pochi giorni dopo la stessa maggioranza ha presentato e approvato spese iniziative ricreative con costi ben maggiori: Ritmo della città 1000 euro, campus estivi scuole Rousseau 1060 euro e Wow che estate allo spazio del Fumetto per ben 3000 euro. Come ho fatto presente intervenendo in Aula - continua Bassi - noi leghisti veniamo tacciati di saper proporre per la sicurezza della città solo soluzioni "low and order", ma gli arancioni che alternativa stanno offrendo? Non vogliono la tolleranza zero, non intervengono su abusivismo e accattonaggio, non sgomberano i campi rom e non prendono in considerazione nemmeno i progetti di riqualificazione, nemmeno quando questi hanno costi più che sostenibili e sono proposti da soggetti che certamente non gli sono lontani politicamente. Mi auguro - conclude Bassi - che chi governa la città si assuma le sue responsabilità e cambi registro in fretta. I soldi dei cittadini devono essere spesi secondo dei criteri di priorità. Prima di investire migliaia di euro in fumetti e altre iniziative ricreative si deve pensare a rendere più vivibile e sicuro il territorio".

 

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziano pugnalato in piazzale Ovidio, Bassi (LN): "Area da riqualificare"

MilanoToday è in caricamento