Venerdì, 18 Giugno 2021
Politica

Moschee, Parisi con la Ismail (ex Pd): commissione comunale per dialogo

La proposta del capo dell'opposizione di centrodestra. E l'attacco a Sumaya Abdel Qader (Pd): "E' del Caim, ha un conflitto d'interessi"

Matteo Forte, Stefano Parisi e Maryan Ismail (da Fb)

Una commissione permanente che dialoghi con tutte le realtà religiose presenti a Milano e un censimento (promosso dalla prefettura ed effettuato dalla polizia locale) di tutti i luoghi di culto, regolari e non. E' questa la proposta avanzata da Stefano Parisi, capo dell'opposizione di centrodestra, in una conferenza stampa alla quale, insieme al consigliere comunale di Milano Popolare Matteo Forte, c'era Maryan Ismail, appena dimessasi dal Partito democratico e recentemente nominata dal ministro dell'interno Angelino Alfano membro del "tavolo di confronto con le comunità e associazioni islamiche".

«La strage di Nizza mette in luce la necessità di prendere una posizione chiara, senza ambiguità sul terrorismo di matrice islamica e sulle azioni da intraprendere per ridurre questo rischio a Milano», ha spiegato Parisi chiedendo un confronto con la giunta di centrosinistra.

La commissione, nell'idea di Parisi, dovrebbe essere formata dalla vicesindaco Anna Scavuzzo (che ha la delega dei rapporti con le religioni), da quattro consiglieri comunali (due di maggioranza e due di opposizione) e da due "esperti". «Anna Scavuzzo ci dà garanzie perché non ha avuto atteggiamenti a sostegno esplicito di una parte delle comunità musulmane», ha affermato Parisi alludendo all'assessore al welfare Pierfrancesco Majorino, "colpevole" di avere sostenuto il Caim, di cui fa parte anche Sumaya Abdel Qader, neo consigliera comunale del Pd. «Abdel Qader ha un conflitto d'interessi», è il commento di Parisi.

La seconda proposta è quella di una "unità" specializzata nella "contro-radicalizzazione", in modo da intervenire nelle scuole, nei quartieri popolari, nelle carceri e nei centri di accoglienza per prevenire casi di persone che, appunto, radicalizzano la propria sensibilità religiosa, con chiaro riferimento - ancora una volta - all'Islam. Questa "unità" dovrebbe essere formata da «esperti, psicologi, mediatori culturali e agenti con un background nell'antiterrorismo», secondo quanto si legge in una nota di Parisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moschee, Parisi con la Ismail (ex Pd): commissione comunale per dialogo

MilanoToday è in caricamento