menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Corso Vittorio Emanuele. Pronto l'aumento della Cosap in centro

Corso Vittorio Emanuele. Pronto l'aumento della Cosap in centro

Suolo pubblico, pronto il raddoppio della tassa

Ma la maggioranza non è tutta d'accordo: il capogruppo del Pd Bertolè invita a una riflessione. Gibillini (Sel): "E' un errore". Ma l'assessore: "Solo per pubblicità e commercio"

Dopo l'aumento della tassa di soggiorno per i turisti, la giunta prepara il raddoppio della Cosap (tassa di occupazione del suolo pubblico) nel centro storico. E' il senso della proposta di Franco D'Alfonso, assessore al commercio, presentata alle commissioni commercio e affari istituzionali. La Cosap aveva già subìto alcuni recenti ritocchi. Si legge di una "maggiorazione del cento per cento delle tariffe vigenti nelle zone di pregio" e dovrebbe valere, alla fine, soltanto per le occupazioni temporanee commerciali. Riguarderebbe quindi i totem pubblicitari ma non i dehor dei ristoranti e dei bar.

Prevista anche una maggiorazione del 50% per chi occupa strisce blu per eventi. E una tassa di occupazione toccherebbe anche agli alberghi, che davanti all'ingresso tengono impegnato lo spazio per le soste dei clienti e il carico-scarico dei loro bagagli.

L'idea però - oltre che ai commercianti - non piace nemmeno alla stessa maggioranza di centrosinistra. Luca Bertolè (capogruppo del Pd a Palazzo Marino) ha suggerito alla giunta "una riflessione sull'efficacia di queste misure": il timore è che crei effetti depressivi. Raffaele Grassi (Valori per Milano, anche lui consigliere di maggiorana) ha detto chiaro e tondo che "le tariffe semmai si riducono per aiutare le imprese". E anche Luca Gibillini (Sinistra ecologia e libertà) ha sottolineato che il provvedimento "sarebbe un errore. La piazza principale della città è ovunque il luogo degli eventi, vissuta e attraversata. Alcune belle iniziative andrebbero perse per Milano".

In serata l'assessore D'Alfonso ha precisato però che l'adeguamento della Cosap "riguarda esclusivamente le iniziative commerciali e pubblicitarie", escludendo pertanto "le agevolazioni e i coefficienti per manifestazioni di interesse culturale, civico o politico che non subiscono quindi alcun aumento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento