rotate-mobile
Politica

Bandiera catalana: il Pirellone dice no alla Lega, «le regole non lo consentono»

La Lega Nord voleva l'esposizione della bandiera della Comunità Autonoma di Catalogna al Pirellone

La bandiera della Catalogna non verrà esposta dal Pirellone. Nonostante la richiesta fosse partita dalla Lega Nord, il movimento che (con il presidente Roberto Maroni) guida la Regione, l'ufficio di presidenza del consiglio regionale ha dovuto prendere atto, semplicemente, che questa esposizione non è possibile stando alle regole vigenti.

Niente bandiera catalana, dunque. La richiesta era stata avanzata dal capogruppo leghista Massimiliano Romeo per solidarietà con le istituzioni della Comunità Autonoma di Catalogna dopo i fatti del 20 settembre, quando la Guardia Civil, la polizia spagnola, arrestò 14 persone legate al governo regionale nell'ambito della preparazione del referendum sull'indipendenza catalana, calendarizzato per il primo di ottobre e giudicato incostituzionale dai giudici iberici.

A sostegno dell'idea anche il gruppo della lista Maroni, mentre tutta l'opposizione (centrosinistra e Movimento 5 Stelle), oltre ad Alternativa Popolare, non erano d'accordo. Forza Italia infine non aveva espresso una posizione ufficiale. 

L'ufficio di presidenza del consiglio regionale lombardo, tuttavia, ha deciso di «valutare altre modalità con cui esprimere l'auspicio per una soluzione pacifica rispetto a quanto sta avvenendo in Catalogna». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bandiera catalana: il Pirellone dice no alla Lega, «le regole non lo consentono»

MilanoToday è in caricamento