rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Politica

Terrorismo, il Comune replica al servizio di Striscia: "Le barriere non servono per impedire l'accesso"

L'assessore Rozza: "Le barriere servono a obbligare il controllo dell'andatura, a rendere più lenta l'entrata, non hanno alcuna funzione di divieto d'accesso"

Dopo il servizio di Striscia sulla presunta facilità nel superare le barriere che delimitano le zone sensibili del centro, come piazza Duomo, è arrivata secca la replica dell'assessore comunale alla Sicurezza Carmela Rozza. 

La Rozza riprende le incursioni dell'inviato Valerio Staffelli e precisa. 

"Le barriere di cemento, che sono state posate in alcune vie del centro e nei luoghi più sensibili della città, non sono state installate per impedire gli accessi, ma per rallentare automobili e furgoni e, quindi, impedire che un veicolo possa travolgere le persone a folle velocità. In sintesi: le barriere servono a obbligare il controllo dell'andatura, a rendere più lenta l'entrata, non hanno alcuna funzione di divieto d'accesso", spiega l'esponente della giunta guidata da Beppe Sala.

"Piazza del Duomo non è interdetta ai veicoli - continua -; furgoni e auto di servizio debitamente autorizzati possono entrare e circolare nell'area. I mezzi di trasporto che non hanno il regolare permesso e che entrano nella zona delimitata vengono multati, come gli Agenti della Polizia Locale hanno fatto con Staffelli".

"L'antiterrorismo è materia di competenza della Questura, la Polizia Locale ha il compito di fare da ausilio", conclude.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorismo, il Comune replica al servizio di Striscia: "Le barriere non servono per impedire l'accesso"

MilanoToday è in caricamento