Politica

Le biblioteche saranno di competenza regionale. Un milione in tre anni a quelle milanesi

La legge regionale è passata con il voto favorevole della maggioranza di centrodestra e delle opposizioni di centrosinistra. Astensione dei 5 Stelle

La biblioteca Il Pertini di Cinisello Balsamo (Csbno.net)

Oltre un milione di euro in tre anni per le biblioteche della Città Metropolitana di Milano: li ha stanziati la Regione Lombardia con un'apposita legge sullo sviluppo dei sistemi bibliotecari. Il denaro servirà a informatizzare la catalogazione dei libri, innovare i servizi per i cittadini, promuovere la lettura tra i giovani e sviluppare l'accessibilità per le persone disabili.

Il provvedimento viene difeso da Fabrizio Cecchetti, vice presidente leghista del consiglio regionale e relatore del progetto di legge, che lo motiva spiegando che la Città Metropolitana è rimasta senza risorse, o quasi, per determinati servizi. La legge ha avuto 51 voti a favore e 8 astenuti. E il suo collega di partito Massimo Garavaglia, assessore al bilancio, ha specificato che la regione «ha messo un tappo ai buchi pregressi della Provincia e della Città Metropolitana» e si è augurato che le biblioteche diventino «un hub per altre funzioni come la promozione turistica».

La legge porta la competenza delle biblioteche dei 44 sistemi bibliotecari di Milano e della sua Città Metropolitana alla Regione, che si dice pronta a farsi carico della competenza sui servizi bibliotecari anche delle altre Province. «Finalmente si chiariscono le competenze e si definiscono le risorse per il funzionamento delle biblioteche», commenta soddisfatto Fabio Pizzul del Partito Democratico (i cui esponenti hanno votato a favore), riferendo che l'aula consiliare ha accolto due ordini del giorno del Pd: uno per assicurare i finanziamenti anche nel 2018 e 2019, l'altro per attivare tavoli di confronto con le altre Province della Lombardia.

Si è astenuto il Movimento 5 Stelle. «Dopo anni di tagli siamo favorevoli al rilancio dei sistemi bibliotecari: la cultura è una risorsa strategica fondamentale per lo sviluppo», argomenta il consigliere regionale Andrea Fiasconaro. «Purtroppo resta aperto - prosegue - il nodo delle risorse, di qui la nostra astensione». L'aula ha comunque approvato un ordine del giorno dei pentastellati che impegna a riallocare in capo alla Regione le funzioni ammistrative delle politiche culturali per le biblioteche di tutte le province lombarde.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le biblioteche saranno di competenza regionale. Un milione in tre anni a quelle milanesi

MilanoToday è in caricamento