Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

"Assestamento di bilancio subito o a rischio contributi a disabili"

La giunta all'opposizione: "Bisogna destinare alle politiche sociali 25 milioni o i contributi si interromperanno"

Pierfrancesco Majorino

Il bilancio di Palazzo Marino torna a essere il tema principale dello scontro politico. Se a novembre aveva tenuto banco il preventivo 2013, in ritardo per le incertezze sull'Imu, fino alla soluzione per poter approvare il piano delle opere pubbliche in tempo per accendere i mutui, ora l'allarme viene dai contributi per anziani e disabili. Allarme lanciato dall'assessore al bilancio Francesca Balzani in aula, lunedì pomeriggio.

Detto senza tecnicismi, il discorso è questo: il comune di Milano ha bisogno di utilizzare, dal 1 gennaio, circa 25 milioni di euro per contributi sociali, ma per poterlo fare deve approvare l'assesstamento di bilancio in tempo utile, perché questi 25 milioni derivano da "avanzi" di vario genere (soprattutto dalla voce "recupero residui" per 18 milioni), e quindi hanno bisogno di una votazione esplicita per essere appunto destinati alle politiche sociali: altrimenti finirebbero nel fondo svalutazioni crediti.

Come poi ha dettagliatamente spiegato Pierfrancesco Majorino, assessore alla partita, si tratta del sussidio minimo vitale per 3.400 anziani, per 1.000 disabili poveri e per 300 buoni sociali a famiglie con anziani o disabili a carico che pagano una badante. Majorino e la Balzani hanno fatto appello all'opposizione di essere collaborativa e approvare l'assestamento prima di Natale.

L'opposizione però non ha al momento deposto l'ascia di guerra: "Hanno approvato il bilancio di previsione poche settimane fa", dice Giulio Gallera (Forza Italia): "Le risorse per il sociale non potevano approvarle in quella sede?". Per Alessandro Morelli (Lega) "una giunta che scarica le sue responsabilità su anziani e disabili non è in grado di amministrare". Manfredi Palmeri ritiene che si tratti "dell'ennesima occasione in cui la giunta prova a giocare il jolly. Lo fa dal 2011, quando diceva che si doveva vendere Sea per forza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Assestamento di bilancio subito o a rischio contributi a disabili"

MilanoToday è in caricamento