menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bilancio, Balzani: "Perso un miliardo in quattro anni"

Le cifre dell'assessore in commissione. Sulle modifiche: "Sì, ma ridotte all'osso". E sui servizi sociali: "Centrato l'obiettivo di non tagliarli"

Il 58% delle risorse del comune di Milano per il 2013 è già stato impiegato. Si tratta di circa 1,7 miliardi di euro, ne avanzano 1,2 per i prossimi mesi dell'anno. E' la fotografia illustrata in commissione dall'assessore al bilancio Francesca Balzani. Il comune - in attesa dell'approvazione del preventivo in aula - intende procedere con la redazione di "liste" di priorità di spesa da parte dei diversi assessorati, che dovrebbero essere pronte entro il 25-26 settembre.

La Balzani ha poi sottolineato di essere riuscita a perseguire l'obiettivo di non ridurre ulteriormente la spesa per le politiche sociali, tema "caldo" dopo lo sfogo dell'assessore Pierfrancesco Majorino ("Tagliare di più significa accanirsi sui più deboli", aveva dichiarato riguardo al suo settore di riferimento). E ha promesso che continueranno i controlli a tappeto su chi accede a contributi o agevolazioni: "Spero ci siano zero irregolarità", ha spiegato, "ma i controlli vanno fatti".

Infine l'assessore ha evidenziato che il comune, dal 2009 al 2013, ha perso circa un miliardo e 214 milioni "fra minori trasferimenti ed entrate straordinarie venute meno": per la precisione, 940 milioni in entrate straordinarie e 274 milioni in minori trasferimenti. "La legge di stabilità - ha precisato - vieta di usare le plusvalenze in parte corrente, per cui questo comune, che ha goduto per quattro anni di proventi di natura straordinaria, non può più usarli". La Balzani ha così replicato ad accuse da parte dell'opposizione, come il consigliere Fabrizio De Pasquale (Pdl) che le aveva rinfacciato che il comune intasca più di 700 milioni in tasse in più rispetto al 2010.

Escluse infine le possibilità di modificare in aula alcune voci di bilancio, se non marginalmente. "Le possibilità di modifiche sono ridotte all'osso", ha affermato l'assessore rispondendo al capogruppo del Pd Lamberto Bertolé, che si è appellato alle opposizioni perché lavorino con la maggioranza per elaborare proposte migliorative.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento