Politica

Tangenti in Regione, "così i soldi finivano a Forza Italia e Lega Nord"

Gilberto Leuci, uno degli indagati nell'inchiesta per corruzione che ha coinvolto il presidente del Consiglio regionale Boni, spiega il "sistema Cassano" al pm

Davide Boni, indagato della Lega. Ha deciso di non dimettersi

Gilberto Leuci, uno degli indagati nell'inchiesta per corruzione a carico del presidente del Consiglio regionale lombardo, il leghista Davide Boni, è stato interrogato nei mesi scorsi dal pm milanese Paolo Filippini che coordina le indagini assieme all'aggiunto Alfredo Robledo. Il verbale del 9 novembre scorso è uno degli atti depositati al Tribunale del Riesame, davanti al quale hanno fatto ricorso l'imprenditore Luigi Zunino e l'ex capo della segreteria politica di Boni, Dario Ghezzi, contro i sequestri nelle perquisizioni dei giorni scorsi.

"Posso dire che le operazioni che io ho montato a Cassano - ha spiegato Leuci al pm - sulle quali ho percepito denaro dagli imprenditori, denaro che ho girato a Michele Ugliola trattenendo la mia parte, sono circa dodici. Posso quantificare in circa un milione e mezzo di euro la somma che io ho ritirato dagli imprenditori per le predette operazioni".

Leuci e l'architetto Ugliola, ritenuti i due collettori delle tangenti, trattenevano, secondo il racconto di Leuci, "generalmente tra un quarto e un terzo delle somme ricevute, valutando la quota trattenuta caso per caso". La quota "da destinare ai politici, di circa due terzi della somma percepita, era gestita completamente da Ugliola, il quale si occupava di recapitarla ai politici. Sono a conoscenza che i soldi per la politica dovevano essere destinati pro quota ai partiti che reggevano la giunta cassanese, in particolare Forza Italia e Lega Nord. Sicuramente la copertura politica - ha proseguito Leuci - che io e Michele Ugliola avevamo per poter richiedere con autorevolezza importi significativi di denaro agli imprenditori di Cassano erano di livello più alto rispetto a quello locale".

L'indagato ha detto ancora: "Non so indicare un esponente politico preciso per quanto riguarda il partito Forza Italia, mentre posso indicare Boni e Ghezzi come i politici di livello più alto con cui aveva stretti rapporti Ugliola, da cui avevamo copertura".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tangenti in Regione, "così i soldi finivano a Forza Italia e Lega Nord"

MilanoToday è in caricamento