Politica

Bonifiche Expo non a carico dei cittadini, lettera aperta di M5s a Maroni

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Il Movimento 5 Stelle Lombardia ha inviato oggi una lettera aperta al Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni sul tema delle bonifiche dell'area Expo che chiede i "tempi e le modalità con le quali porterà in Consiglio d'amministrazione di Expo 2015 il tema bonifiche ambientali".

Nella lettera aperta di legge: "La nostra richiesta ha come obiettivo la salvaguardia degli interessi economici dei cittadini lombardi. Più volte abbiamo fatto presente che i terreni su cui sorge l'esposizione universale hanno subìto e subiranno attività di bonifiche ambientali con costi che si aggirano intorno ai 25 milioni".

Silvana Carcano, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle della Lombardia spiega: "in base al principio 'chi inquina paga', Expo deve rendicontare con precisione i costi di bonifica ambientale, deve sottoporli ad Arexpo (la società proprietaria dei terreni) affinché quest'ultima si rivalga sui proprietari originari (tra cui Cabassi e Fondazione Fiera, socia di Arexpo). Il nostro timore è che nell'inattività di tutti gli enti coinvolti siano sempre i contribuenti a pagare per le bonifiche mentre invece, a nostro avviso, quei soldi devono essere chiesti ai proprietari iniziali. Proprio per questo ci rivolgiamo, dopo numerose denunce a mezzo stampa, direttamente a Maroni in qualità di socio di Expo e di primo cittadino della regione: sulle bonifiche chiediamo tempi certi e che la spesa non ricada sui lombardi bensì su privati ed ex proprietari di quei terreni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonifiche Expo non a carico dei cittadini, lettera aperta di M5s a Maroni

MilanoToday è in caricamento