Cinghiali e selvaggina "a km 0", la Regione Lombardia istituirà il marchio "cacciato in Lombardia"

L'idea della giunta per stimolare il consumo di selvaggina lombarda

La selvaggina a km 0: la Lombardia è pronta ad istituire il marchio "cacciato in Lombardia" per identificare la selvaggina locale, consentendo agli agriturismo di servirla a tavola come prodotto "del posto" e, secondo le parole dell'assessore regionale all'agricoltura Fabio Rolfi (Lega), «stimolare una vera e propria filiera della carne di selvaggina lombarda».

L'annuncio è arrivato durante un incontro organizzato da Coldiretti sui cinghiali a Porlezza (Como). Rolfi è convinto che la caccia sia l'unico "argine" ai cinghiali e coerentemente ha aperto alla caccia di selezione tutto l'anno, anche con foraggiamento e visori notturni: «Ho utilizzato tutti gli spazi lasciati dalla normativa nazionale», ha spiegato. Coldiretti, da parte sua, ha invitato sia gli agricoltori sia i cittadini a denunciare sempre i danni da ungulati, rispettivamente alle coltivazoni e in riferimento agli incidenti stradali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Cinghiali, ma anche nutrie e altre specie, sono dannose e pericolose, sia per la produttiviità agricola sia per la sicurezza del territorio», ha aggiunto l'assessore: «Purtroppo mancano gli aiuti del Governo, anche per una presa di posizione ideologica». Quella sui cinghiali è una vera e propria "ossessione" della maggioranza in Regione. Nel 2018 venne consentito anche agli agricoltori di partecipare al loro contenimento. Nel 2019, poco dopo un drammatico incidente stradale sull'A1 nel Lodigiano, via libera alla caccia ai cinghiali con arco e frecce. Nel 2020, infine, il sì alla caccia di selezione tutto l'anno e ai visori notturni, con le associazioni ambientaliste sul piede di guerra perché il visore sarebbe in realtà vietato dalla legge nazionale e dalla Giurisprudenza sul tema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Covid, nuova ordinanza sulle mascherine in Lombardia: quando è obbligatoria, quando no

  • Orrore a Milano, stuprata in pieno giorno sul Monte Stella: indaga la polizia

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

Torna su
MilanoToday è in caricamento