rotate-mobile
Politica Cesano Boscone

Cesano, l'"ambiente" entra in classe e diventa sostenibile

Sono oltre 800 gli studenti coinvolti. Un percorso educativo che si propone di migliorare gli stili di vita trasformando Cesano in una "casa sostenibile". Il sindaco: "Abbiamo le carte in regola per farlo"

"Il nostro desiderio è che Cesano venga vissuta da tutti i cittadini come una grande casa, dove ciascuno fa la sua parte per renderla sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale”: così il sindaco Vincenzo D'Avanzo sintetizza la strategia che l'Amministrazione comunale cesanese sta portando avanti per migliorare gli stili di vita, anche con interventi educativi che iniziano fin da piccoli.

LE INIZIATIVE - “Cambiare le abitudini non è facile – sottolinea l'assessore alle Politiche ambientali di Cesano Boscone Aldo Guastafierro – ma riteniamo che il nostro Comune abbia tutte le carte in regola per provarci. Da tempo siamo impegnati su questo fronte, anche nelle scuole. Anche se quest'anno abbiamo pensato a progetti più mirati, sia di conoscenza sia di sensibilizzazione. Così riusciamo più facilmente a creare un filo conduttore con l'iniziativa 'Casa della sostenibilità', che punta a modificare radicalmente gli stili di vita nei consumi, ma anche nei confronti del territorio che ci circonda”.

I PROGETTI - In questa direzione vanno le nuove quattro proposte di scuola ambiente che coinvolgono 834 alunni: 214 delle scuole dell'infanzia, 454 delle primarie e 166 delle secondarie di primo grado. La prima è promossa insieme a ERSAF (Ente regionale per i servizi all’agricoltura e alle foreste) che ha progettato un programma didattico di carattere scientifico con l'obiettivo di avvicinare i bambini al mondo naturale approfondendo la conoscenza del Parco Natura e del suo bosco. Rivolto agli alunni di entrambi i cicli della primaria, si svilupperà in sottoprogetti a seconda dell'età: “La vita sostenibile”, “La natura si coltiva”, “La catena della vita”, “Ecosistemi”. C'è poi il “ComunicaGame” di InfoEnergia che permetterà anche di conoscere le abitudini energetiche dei cittadini.

LE PROPOSTE PER I BAMBINI - “Commissione cultura alternativa” propone, invece, “Luci… e penombre”, un’esperienza di percezione della funzione della luce, “Muoversi con gusto e sentirsi bene”, perché la sostenibilità passa sicuramente attraverso la conoscenza di ciò che il nostro territorio ci può offrire (km 0) e delle sensazioni del corpo in rapporto ai bisogni nutritivi e del gusto, “Nutrimento del corpo, cibo dell’anima” e “Spigolare” storie per la radura. Inoltre, per le scuole medie, un progetto congiunto con il “Forum Cooperazione & Tecnologia” chiederà ai ragazzi di “vedere dall’alto” il loro parco e di indagarne le caratteristiche all’interno del più ampio “Parco agricolo sud Milano”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesano, l'"ambiente" entra in classe e diventa sostenibile

MilanoToday è in caricamento