rotate-mobile
Politica

Varata la commissione anti-mafia del Comune. Non mancano polemiche

Varata la commissione anti-mafia del Comune di Milano. Indicherà "regole e buone prassi" per appalti e piani dei territori. E' polemica opposizione-giunta sui programmi dei lavori

Prende vita la Commissione anti-mafia del Comune di Milano. Il gruppo è formato da 18 consiglieri (10 di maggioranza e 8 di opposizione) collaborerà con il Consiglio regionale e con quello della Provincia, oltre alle altre commissioni permanenti del Comune. In particolare, la Commissione contribuirà alla valorizzazione dei beni confiscati alle mafie, indicherà "regole, indirizzi, buone prassi" in relazione alle convenzioni attuative dei piani territoriali e urbanistici e alle concessioni d'uso di beni immobili, rivolgendo attenzione anche ai lavori in area Expo.

E' inoltre prevista anche la possibilità di proporre convenzioni e protocolli d'intesa con Prefettura, Camera di Commercio, pubbliche amministrazioni, ordini professionali, sindacati, enti e associazioni per la raccolta di dati utili nella lotta al riciclaggio e per la creazione di fondi e sportelli di sostegno alle vittime del racket, dell'usura, di minacce o atti intimidatori. L'organismo potrà promuovere percorsi di formazione per amministratori pubblici e favorire iniziative di educazione alla legalità.

Non sono mancate le polemiche. A movimentare la discussione e accendere la 'bagarre' è stato il voto che ha bocciato un emendamento del Pdl che chiedeva "condivisione" tra i futuri presidente e vicepresidente dell'organismo (il primo dovrebbe essere il Pd David Gentili, mentre il secondo era stato offerto alle minoranze) per tutto quanto concernesse il programma dei lavori e ogni altra iniziativa, comprese le dichiarazioni agli organi di stampa. Per questo, durante le dichiarazioni di voto, mentre il centrosinistra festeggiava "finalmente dopo 7 mesi" l'avvio della commissione, il capogruppo Pdl Carlo Masseroli ha liquidato l'organismo, al pari del Comitato di esperti voluto dal sindaco, come "strumenti totalmente inutili e di parte" (fonte: ansa).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Varata la commissione anti-mafia del Comune. Non mancano polemiche

MilanoToday è in caricamento