Lombardia, il 12 ottobre ci sarà la prima seduta della Commissione d'inchiesta covid

L’obiettivo primario dovrà essere quello di fare un lavoro attento e scrupoloso per dare informazioni corrette ai cittadini sull’emergenza sanitaria e su quanto avvenuto

Repertorio

Si è tenuta mercoledì a Palazzo Pirelli la prima riunione dell’Ufficio di presidenza della Commissione di inchiesta sull’emergenza Covid-19, insediatasi lo scorso 21 settembre. Il presidente Gian Antonio Girelli (PD), il vice presidente Mauro Piazza (FI) e il Consigliere Segretario Marco Mariani (Lega) si riuniranno nuovamente la prossima settimana per definire una proposta di lavoro condivisa da sottoporre poi all’attenzione della Commissione, che sarà convocata lunedì 12 ottobre.

“Considerata la complessità dei temi e l’importanza di presentare alla Commissione una proposta di lavoro organica e completa – spiegano Girelli, Piazza e Mariani – l’Ufficio di Presidenza si riaggiornerà la prossima settimana: si prevede di convocare la prima seduta di Commissione il 12 ottobre”.

La Commissione, la cui istituzione era stata richiesta da tutti i Consiglieri di minoranza, nello svolgimento del proprio lavoro avrà come oggetto specifico “l’analisi e la valutazione della gestione dell’emergenza sanitaria da Covid-19 in Lombardia”.

Dovrà concludere i propri lavori entro 12 mesi ed è composta da tre Consiglieri per i gruppi consiliari più consistenti (Lega, Forza Italia, Partito Democratico e M5Stelle) e da un Consigliere per gli altri gruppi.

Obiettivi

Girelli è attualmente presidente della commissione speciale sulla situazione carceraria in Lombardia. «L’insediamento di questa commissione ha avuto un percorso indubbiamente travagliato - ha dichiarato - e l’importante ora sarà recuperare il tempo perduto: l’obiettivo primario dovrà essere quello di fare un lavoro attento e scrupoloso per dare informazioni corrette ai cittadini sull’emergenza sanitaria e su quanto avvenuto, e al tempo stesso produrre suggerimenti utili a chi in consiglio regionale dovrà adottare nuovi provvedimenti per gestire questa stessa emergenza».

Soddisfatto per il «lavoro di mediazione in queste ultime settimane» il presidente del consiglio regionale Alessandro Fermi (Forza Italia), secondo cui «l’obiettivo deve essere quello di approfondire e analizzare la gestione dell’emergenza sanitaria di questi mesi in modo utile e costruttivo, senza cadere in sterili polemiche e strumentalizzazioni».

Commissione d'inchiesta covid: chi ne fa parte

La commissione è composta da tre consiglieri per i gruppi consiliari più consistenti (Lega, Forza Italia, Partito Democratico e Movimento 5 Stelle) e da un consigliere per gli altri gruppi; faranno parte della commissione Roberto Anelli, Marco Mariani e Alessandra Cappellari (Lega), Gianluca Comazzi, Mauro Piazza e Ruggero Invernizzi (Forza Italia), Marco Fumagalli, Monica Forte e Gregorio Mammì (5 Stelle), Gianantonio Girelli, Carmela Rozza e Jacopo Scandella (Pd), Franco Lucente (FdI), Luca del Gobbo (NcI), Manfredi Palmeri (Energie per la Lombardia), Giacomo Cosentino Basaglia (Lombardia Ideale), Viviana Beccalossi (Gruppo Misto), Elisabetta Strada (Lombardi Civici Europeisti), Patrizia Baffi (Italia Viva) e Michele Usuelli (Più Europa-Radicali). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento