menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una manifestazione di CasaPound

Una manifestazione di CasaPound

Centenario della fondazione del fascismo: vietato il concerto di CasaPound a Milano

Il prefetto interviene per vietare raduni e iniziative per il 23 marzo

Non si farà la manifestazione di CasaPound in programma a Milano per il 23 marzo 2019. Lo ha stabilito il prefetto di Milano, o per meglio dire il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza, che, sebbene un preavviso ufficiale non fosse stato ancora diffuso, ha stabilito che "non sarà comunque consentita alcuna iniziativa in luogo pubblico" con un carattere "commemorativo o rievocativo" per "evidenti e gravi ragioni di ordine e sicurezza pubblica".

Il 23 marzo 1919 Benito Mussolini fondò a Milano i Fasci Italiani di Combattimento, l'embrione del futuro partito fascista e protagonista del cosiddetto "biennio rosso" (1919-1921) caratterizzato da numerosissimi scontri fisici tra fascisti, appunto, e socialisti bolscevichi, che avrebbero voluto portare anche in Italia la rivoluzione comunista verificatasi in Russia nel 1917. 

Il prossimo 23 marzo è dunque il "centenario" della fondazione dei Fasci, e non può sfuggire l'elemento rievocativo nell'intenzione di CasaPound di organizzare un raduno al quale era prevista una partecipazione di migliaia di persone in un luogo ignoto (di solito viene comunicato via chat nell'immediatezza del raduno stesso). Si sapeva, però, che ci sarebbe stato un concerto degli ZetaZeroAlfa, una band di musica di estrema destra il cui leader e frontman Gianluca Iannone è anche leader di CasaPound.

Ufficialmente il concerto è stato indetto per festeggiare i 20 anni di attività della band, molto nota nel circuito del "rock against communism" ("rock contro il comunismo"), ma la coincidenza della data con la fondazione dei Fasci nel 1919 fa pensare più che altro a un centenario. E il sindaco Beppe Sala aveva definito "oltremodo oltraggioso" il raduno in via di organizzazione, auspicando che le autorità di pubblica sicurezza lo vietassero. Cosa che è puntualmente avvenuta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

Coronavirus

Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento