rotate-mobile
Politica

Consiglio, Pd: “Movida sottobosco da bonificare”, Pdl: “Niente caccia alle streghe”

Dibattito acceso ieri in aula sulla vicenda tangenti e coca che sta investendo i locali milanesi. Per l'opposizione si tratta di un'area di "completo appannaggio di una parte della maggioranza". Ed è polemica

 

Rizzo

Il lavoro di squadra di maggioranza e opposizione relativo allo stanziamento del fondo anticrisi per proseguire ha dovuto attendere che calassero le polemiche relative ad alcune agenzie di stampa uscite poco prima dell'inizio del consiglio comunale di lunedì e relative a intercettazioni e rapporti tra alcuni appartenenti all'amministrazione comunale e Rodolfo Citterio, segretario del Silb, il sindacato delle sale da ballo.

Il capogruppo dell'UDC Pasquale Salvatore, essendo uno dei citati, è stato il primo a chiarire la propria posizione portando lui stesso il problema in aula, ma a buttare benzina sul dibattito già acceso dalla notizia ci ha pensato, qualche intervento dopo, Basilio Rizzo, capogruppo di Uniti con Dario Fo, sventolando dai banchi una pagina del quotidiano "Il Giorno" dove Citterio in una foto sorride affianco ad una Letizia Moratti esultante a Parigi: è il 2008 e Milano si è appena aggiudicata l'Expo 2015. "Il mondo dei locali notturni è a completo appannaggio di una parte della maggioranza, è un sottobosco che è necessario bonificare una volta per tutti - ha affermato Rizzo - La magistratura procederà con le indagini ma è nostro dovere intervenire dal punto di vista politico e rompere il cordone che lega l'unione dei commercianti e l'amministrazione comunale, è vergognoso".
 

De Corato

Il vice sindaco Riccardo De Corato, esortato più di una volta dall'opposizione a chiarire la vicenda, essendo il primo cittadino assente in aula, ha illustrato la propria posizione ribadendo l'impegno del Comune nella battaglia contro le irregolarità riscontrate in molti locali "che abbiamo fatto chiudere per ragioni di sicurezza. - ha spiegato De Corato - Per la cocaina invece basta andare in Corso Como per accorgersi che Milano è il centro di arrivo di enormi quantità poi smistate in tutta Italia, è un problema esplicito e noto da tempo". Apprezzabile l'intento di chiarimento per il consigliere Pierfrancesco Majorino (Pd) che ha definito la dichiarazione di De Corato "Un atto dovuto ma quasi mai garantito da questa amministrazione comunale"; ci sono ancora nodi da sciogliere, però, secondo il capogruppo dell'opposizione che ha aggiunto: "Non si racconti che Citterio è estraneo alle vicende politiche della maggioranza, conosce moltissimi amministratori di persona, non raccontiamoci barzellette. La situazione è preoccupante, sia la magistratura sia l'amministrazione devono procedere con rigore e soprattutto senza guardare in faccia nessuno".
 

Gallera

"Niente caccia alle streghe e giudizi affrettati" invece per Giulio Gallera, capogruppo del Pdl, secondo cui "Nessuno deve sentirsi obbligato a chiarire la propria posizione in aula, anzi questo genere di notizie sono la dimostrazione che l'amministrazione sta vigilando in maniera positiva ed efficace in città". Così dichiarando Gallera ha ribadito il desiderio di rimandare la discussione perché "queste notizie sono troppo fresche e ora stanno rubando spazio ed energie al lavoro di squadra riguardante il fondo anticrisi, scritto a più mani da maggioranza e opposizione". Anche Majorino, al momento di riprendere il dibattito sull'assegnazione delle risorse provenienti dal fondo anticrisi, ha speso parole di apprezzamento per il carattere unitario dell'operazione definendolo "un contributo antistorico per il periodo che la politica nazionale sta vivendo - ha dichiarato - Mi auguro il mantenimento dello spirito di collaborazione almeno dal punto di vista complessivo del provvedimento nonostante le diversità di vedute segnalate nei singoli emendamenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio, Pd: “Movida sottobosco da bonificare”, Pdl: “Niente caccia alle streghe”

MilanoToday è in caricamento