menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio Lombardia, si riprende "come se niente fosse"

Il presidete Davide Boni non fa dichiarazioni alla stampa, e riprende il lavoro dallo scranno della presidenza del Consiglio regionale

Quasi come niente fosse. "Signori buongiorno", infatti, è stato il consueto saluto d'esordio, martedì 20 marzo, di Boni dallo scranno della presidenza del Consiglio regionale. Poco prima non si era fermato con i giornalisti che lo attendevano nel foyer dell'Aula, così come ha fatto l'assessore regionale Romano La Russa, a sua volta indagato e presente stamani: la stampa questa volta è stata tenuta dietro un cordone rosso.

Poi, una volta all'interno, il presidente leghista ha rispettato tutte le formalità. La seduta del Pirellone è stata aperta con un minuto di silenzio per le vittime dello schianto dell'autobus di Sierre e della strage di Tolosa. Quindi si è passati alla trattazione di una mozione 'di censura' nei confronti di Luciano Bresciani, assessore leghista alla Sanità.

Ancora non è stata invece annunciata in Aula la mozione urgente con cui le opposizioni - Pd, Idv, Udc e Sel - vogliono nuovamente indurre Boni alle dimissioni dalla presidenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

Coronavirus

Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento