Corruzione, Garavaglia (assessore bilancio): "Non mi dimetto"

L'esponente del Carroccio, indagato insieme al collega Mario Mantovani, si difende: "Ho solo segnalato una associazione e lo rifarei". Ma per i giudici ha anche cercato di "risolvere il problema"

Massimo Garavaglia, assessore regionale al bilancio, indagato per turbativa d'asta nell'inchiesta (Operazione Entourage) che ha portato anche all'arresto del vice presidente della giunta (auto sospesosi) Mario Mantovani e di altre due persone, non si dimetterà. La fiducia gli è stata confermata giovedì mattina dal governatore Roberto Maroni ("non c'è un euro di tangenti"). Lui stesso ha detto di avere pensato alle dimissioni per qualche ora, poi - ha spiegato - "ho ricevuto solidarietà e affetto da tanti, anche dall'opposizione", e ha cambiato idea. 

Tutto ruota intorno all'appalto da 11,3 milioni di euro per il trasporto di malati dializzati in alcuni comuni della provincia di Milano, per due anni. Un servizio che veniva svolto da Croce Azzurra Ticinia, che però al bando non poteva partecipare per la richiesta di una fidejussione troppo alta. Di qui l'interessamento di Garavaglia e Mantovani (stesso 'bacino elettorale') per rimediare. 

Garavaglia 'sposa' la linea lanciata da Matteo Salvini: "Ho ricevuto una segnalazione da questa Onlus e ho spiegato il caso all'assessorato competente. L'ho fatto mille volte e lo rifarei", afferma l'assessore al bilancio, che è stato per dieci anni sindaco di Marcallo con Casone. Lo stesso concetto che Salvini, il suo segretario, aveva affidato al suo profilo Facebook, a caldo, e poi ripetuto mille volte in interviste televisive.

Rivediamo allora i fatti. Secondo le accuse, Giovanni Tomasini (presidente della Croce, indagato) segnala a Mantovani e Garavaglia che non può partecipare al bando per i "paletti" troppo onerosi. I due assessori (e il collaboratore di Mantovani Giacomo Di Capua, arrestato) prendono contatto con Giorgio Scivoletto (indagato), direttore generale dell'Asl Milano 1, che poi riferisce direttamente a Tomasini l'andamento dell'azione che - secondo i giudici - serve ad arrivare all'annullamento della gara: una raccolta di dati sul numero effettivo di dializzati effettuata per conto di Scivoletto da Sergio Finazzi (indagato). Alla fine Scivoletto non contrattualizza le associazioni vincitrici e rinnova la convenzione con Croce Azzurra Ticinia. Ai due assessori i giudici contestano l'aggravante di abuso dei poteri pubblici e violazione dei doveri inerenti la pubblica funzione.

Il primo contatto è da Garavaglia a Mantovani. Garavaglia, assessore al bilancio, aveva evidentemente avuto segnalazione da Tomasini ("me l'hanno segnalato oggi quelli della Croce Azzurra"), presidente della croce, e cerca il suo collega con delega alla sanità. E gli dice: "Mi dicono che, per come l'hanno messo giù (il bando, n.d.r.), mettono dei paletti, delle regole in più, delle cose da fare che di fatto mette fuori gioco la Croce Azzurra. Siccome nei nostri comuni fa tutto la Croce Azzurra..." (Mantovani: "Eh già!") "... non ha neanche partecipato al bando... te lo segnalo prima, che dopo ci rompono le balle che noi abbiamo escluso la Croce Azzurra". 

Mantovani si mette all'opera con Scivoletto, che lo informa che la gara è già chiusa ma aggiunge che cercherà di capire se "ci sono gli estremi" per annullare tutto. Mantovani: "Perché sennò escludiamo tutte le nostre associazioni". Da lì inizia il lavoro di Scivoletto per "mandare tutto a monte". 

Il caso di Garavaglia (e Mantovani), dunque, non è tanto quello di avere "segnalato un problema", ovvero - in questo caso - l'impossibilità per una associazione radicata nel territorio di partecipare a un bando ("problema" che, giova ricordarlo, non ha alcuna tutela giuridica!), ma quello di avere lavorato - o invitato a lavorare - per risolverlo a favore dell'associazione stessa. Questo dicono pm e gip, s'intende. Poi si vedrà l'esito di tutto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto, il 20 ottobre il consiglio regionale discuterà la mozione di sfiducia presentata da Partito democratico, Patto civico e Movimento 5 stelle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

  • Milano, ecco lo store di Off-White in pieno centro: è il brand per cui tutti si mettono in fila

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento