rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Politica

E' finita la pacchia: sforbiciata ai pass per le corsie preferenziali

Renzo Bossi ed Emilio Fede avevano quattro permessi. Ma Palazzo Marino taglia drasticamente i permessi a giornalisti, banchieri, politici di altre città

Stop ai favoritismi delle corsie preferenziali. L'elenco che qualche mese fa era uscito su molti quotidiani online verrà sfoltito. E di molto.

Palazzo Marino ha deciso - scrive Milano.ogginotizie riprendendo il Corsera - "di non fare più favoritismi in merito alle corsie preferenziali e per questo sono stati tolti i pass a banche, sindacalisti e politici. In tempi di crisi come quello attuale e di riduzione dei costi anche il Comune di Milano sta provando ad adeguarsi ed è così partito il taglio per i permessi di accesso alle corsie preferenziali che prevedono anche l'esclusione di nomi illustri". 

Tra i personaggi che non potranno pià circolare liberamente all'interno delle corsie di accesso a tram e bus ci saranno così Renzo Bossi ed Emilio Fede, che avevano ben quattro permessi. l'ex ministro Claudio Scajola, ma anche politici, sindacalisti, alti dirigenti di banche e aziende, giornalisti.

Si tratta di una misura che la giunta Pisapia aveva già intenzione di attuare da qualche tempo, ma che ora è stata resa definitiva grazie  a una delibera approvata nella serata di giovedì e che avrà i suoi primi effetti già a partire dal mese di ottobre. Quattro pass su dieci non saranno quindi più utilizzabili e si passerà da 4.100 ad un massimo potenziale di 2.500. 

Cambierà anche il modo con cui saranno concesse le autorizzazioni singolarmente visto che ora ogni persona non potrà averne più di una. S

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' finita la pacchia: sforbiciata ai pass per le corsie preferenziali

MilanoToday è in caricamento